Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Tuesday
Mar 26th
Home arrow Notizie arrow Forum (opinioni) arrow SanitÓ calabrese/ Doppio rischio di commissariamento
SanitÓ calabrese/ Doppio rischio di commissariamento
mercoledý 22 aprile 2009
Imagedi Michele Trematerra

Sulla sanità calabrese si profila ora un doppio rischio di commissariamento: da una parte il Governo Berlusconi che, col ministro Sacconi, come una spada di Damocle vuole esautorare la Giunta regionale

dall’altra il governatore Loiero che mira a espropriare il Consiglio regionale  dalle sue prerogative di indirizzo e controllo, appannandone, in sostanza, la centralità. C’è un deficit pauroso, un vero e proprio buco nero nei conti delle casse dell’Assessorato e delle Aziende sanitarie  ci sono sprechi, abusi e spesa incontrollata, ma anche tante professionalità, di buono e ottimo livello, tanta abnegazione e tanto spirito di servizio fra medici e paramedici che hanno saputo in questi anni fornire risposte negli ospedali, negli ambulatori e in tanti presidi sanitari pubblici e privati della regione. Sono sicuramente non poche le scelte dolorose che dovranno essere compiute, ma il Consiglio non può rilasciare a nessuno deleghe in bianco né abdicare al proprio ruolo. La sanità calabrese non è un’escrescenza malata tutta da amputare né una bottega da chiudere per fallimento non ci sono solo ospedali e reparti ‘fotocopia’ o strumentazioni inutilizzate e obsolete. La sanità non è intesa da tutti gli operatori come un potere ma quasi sempre come un servizio per fornire risposte alla domanda di salute dei cittadini. Bisogna ammetterlo:  se la vita media dei calabresi si è allungata di tanto negli ultimi decenni, come testimoniano in termini evidentissimi le statistiche, certo il merito deve essere riconosciuto pure a quella buona sanità che si è praticata in tutte e cinque le provincie, anche con punte di straordinaria eccellenza. Ed è da questi fatti positivi che bisogna ripartire per aprire nuove strategie e una fase nuova di politica sanitaria anche in Calabria”.*Capogruppo dell’Udc alla Regione
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 22 aprile 2009 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO