Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Sunday
Mar 24th
Home arrow Notizie arrow Interviste arrow "Oliverio vincerÓ al primo turno"
"Oliverio vincerÓ al primo turno"
lunedý 27 aprile 2009

di Francesca Gabriele

 ImageResta incerta la candidatura alle provinciali 2009 di Giuseppe Gallo. Mario Oliverio, Presidente della Provincia, tra gli altri candidati, crede molto nelle potenzialità del suo consigliere provinciale

che lo ricordiamo, nella scorsa tornata elettorale ha ricevuto 2096 preferenze nel collegio di Rogliano. Da parte sua, Giuseppe Gallo, non ignora la responsabilità e gli impegni che gravano sulle sue spalle, in quanto sindaco del comune più grande del Savuto. Preferisce, così, ancora riflettere e valutare prima di dare una risposta definitiva al suo Presidente. Con Gallo, abbiamo voluto parlare non solo dell’imminente tornata elettorale, ma anche di programmi realizzati e da realizzare a Rogliano, tra questi, la viabilità, il traffico, e il sociale riscoperto e fatto diventare uno dei settori principi dell’esecutivo, e ancora il bilancio comunale e l’estinzione di ben due contratti di finanza derivata con BNL, ereditati dalla precedente amministrazione e che costituivano un rischio per le casse comunali fino addirittura al 2035.

Sindaco Gallo, alle provinciali del 2004, lei ha ottenuto nel collegio di Rogliano, 2096 preferenze. Pensa di ricandidarsi?

“Due legislature sono più che sufficienti. E’ stata un’esperienza importante che mi ha consentito di impegnarmi per il mio comprensorio e quello che ho fatto, l’ho fatto con tanto impegno e passione raggiungendo anche traguardi importanti. Io vorrei concentrare le mie forze solo sull’amministrazione del mio Comune e quindi dare ad altri la possibilità di candidarsi alle elezioni provinciali. Su questo è iniziata un’attenta riflessione nel partito e ne vorrò parlare anche col Presidente Oliverio al quale esporrò le mie valutazioni.

Circola voce di una possibile candidatura del dirigente, Carmelo Salvino (Pd), già sindaco di Rogliano.

“E lei mi chiede un parere su questo. Tutti sanno qual è la mia stima nei confronti di Carmelo e quali sono i rapporti di amicizia. Salvino rappresenterebbe una candidatura autorevolissima. Noi, però, a

differenza degli altri nomi imposti da Cosenza, i nostri rappresentanti li scegliamo da soli. E’ in atto una discussione tra tutte le sezioni del collegio e a breve sarà ufficializzato il candidato a consigliere provinciale del Pd nel collegio di Rogliano”.

Com’è stata accolta all’interno del suo partito, la scesa in campo tra le file del centrodestra di Roberto Reda, fratello di Marino, consigliere provinciale uscente del centrosinistra?

“Non ci sono stati commenti particolari. Personalmente auguro buona fortuna a lui e agli altri candidati”.

Mario Oliverio rimarrà alla guida dell’ente Provincia?                                                                                            

“Certamente, se lo merita per quello che ha fatto in questi cinque anni. L’amministrazione provinciale ha bene governato rispettando il patto con gli elettori assunto nel 2004, conseguendo anche traguardi che si sono presentati nel corso della legislatura non rientranti nelle competenze dell’Ente provinciale. Insomma Oliverio è stato veramente un punto di riferimento per tutti, sindaci e cittadini e questo suo impegno verrà sicuramente premiato. Vincerà al primo turno”.

L’ente Provincia, il Savuto e i progetti realizzati in questi ultimi cinque anni.

Di obiettivi per Rogliano e il comprensorio ne abbiamo raggiunti veramente tanti. Mai come in questi cinque anni la Provincia di Cosenza ha investito sul nostro Comune. Più di 7 milioni di euro su Rogliano è una cifra enorme. Il nuovo Istituto Superiore, il campo sportivo e la nuova palestra di cui verranno a breve espletate le gare di appalto, il nuovo centro di viabilità presso l’area ex mattatoio, il nuovo Ufficio Locale Coordinato inaugurato qualche settimana fa, la manutenzione delle strade provinciali, due nuovi scuolabus, interventi e contributi nel settore dei servizi sociali, della cultura, dell’ambiente, sono risultati straordinari e forse irripetibili da scrivere all’opera del Presidente Oliverio. Un contributo fondamentale chiaramente ha dato l’assessore Ferdinando Aiello e il sottoscritto nella qualità di consigliere provinciale. Ma tutto il collegio ha usufruito dell’azione politica ed amministrativa della Provincia, su ogni questione importante noi Sindaci abbiamo avuto sempre accanto il presidente Oliverio”.

Traffico e viabilità. Continui lei…

“…e aggiungo bilancio. Bisogna partire da qui. Abbiamo ereditato una situazione finanziaria drammatica con un buco enorme, debiti pregressi e il mancato rispetto del Patto di Stabilità Interno. Il tutto in una congiunta generale senza precedenti.  Avevamo due strade: o dichiarare il dissesto con tutte le conseguenti che ne sarebbero derivate come l’innalzamento della pressione fiscale al massimo, l’impossibilità di accedere al credito, la messa in disponibilità del personale ed altro ancora, oppure puntare su un piano di risanamento, entro due anni, attraverso un’azione di rientro fondata su diverse opzioni. Abbiamo scelto la seconda strada pur sapendo che nei primi due anni avremo potuto realizzare poco. Si è puntato sulla razionalizzazione della spesa, sull’accelerazione della riscossione delle entrate, riconoscendo debiti fuori bilancio per ben 850mila euro, eliminando i contenziosi, dismettendo alcuni beni comunali improduttivi, estinguendo due contratti di finanza derivata con BNL che mettevano a rischio le casse comunali fino addirittura al 2035. Oggi possiamo dire con soddisfazione di avere centrato l’obiettivo tant’è che siamo rientrati nello scorso anno nel Patto di Stabilità Interno rimettendo in ordine i conti del comune senza innalzare la pressione fiscale, che anche col bilancio approvato qualche settimana fa rimane invariata.  Abbiamo veramente fatto un miracolo. Tuttavia non solo sul lato finanziario si è concentrata la nostra attenzione ma parallelamente abbiamo rimesso in moto la macchina comunale approvando strumenti e atti fermi da diversi anni. Rogliano è stato il primo comune della Calabria ad avere approvato il nuovo strumento urbanistico, dopo l’approvazione della legge urbanistica regionale, che ci ha consentito non solo di sbloccare l’edilizia privata ma di procedere ad una migliore disciplina urbanistica sul nostro territorio. Il nuovo Statuto comunale, il nuovo Regolamento sulla riorganizzazione dei settori e dei servizi, la nuova dotazione organica, una serie di altri Regolamenti hanno rappresentato una stagione di riforme per il nostro comune veramente importante. Da qui la riqualificazione dei servizi come quello del bus navetta che è stato riattivato dopo anni di stop e che tra poco verrà garantito anche di domenica mattina e collegherà i comuni dell’hinterland ed ancora la gestione cimiteriale: finalmente il cimitero è pulito e ben gestito e per finire la nettezza urbana. Non sfugge a nessuno che il paese è finalmente pulito, che nella maggior parte del territorio non ci sono più cassonetti, che la raccolta differenziata con il sistema porta a porta è al 43 per cento. Grazie alla riorganizzazione dei settori sono più veloci le risposte ai cittadini in termini di manutenzione e di interventi sul territorio”.

Sindaco, soffermiamoci sul sociale, un tempo non troppo lontano, settore Cenerentola del nostro comune, e parliamo anche del programma politico proposto ai roglianesi nel 2006.

“Finalmente a Rogliano si può parlare di servizi sociali. Sono da poco partiti progetti per 500mila euro diretti all’assistenza domiciliare, agli anziani, ai minori, ai disabili nell’ambito di quel Piano di Zona che vede Rogliano capofila nelle politiche sociali per tutto il Distretto socio - sanitario.   Sono partiti gli investimenti, fatti non a caso, ma sulla base di una programmazione e degli obiettivi prefissati. La messa in sicurezza degli edifici scolastici, il nuovo campo sportivo, la nuova palestra, la rete fognaria con la dismissione dell’attuale depuratore: dopo quarant’anni non si scaricherà più nel fiume Savuto.  Investimenti riguarderanno il depuratore nella frazione Balzata, il parco urbano con la nuova piazza su via Eugenio Altomare. Questi elencati erano i traguardi promessi agli elettori e a breve diventeranno realtà. Oggi possiamo dire che la maggior parte del programma politico del 2006 è stato realizzato, certo ci sono tante cose da fare e tanti problemi da risolvere, tra i quali la viabilità e il traffico, ai quali lei accennava prima nella sua domanda. Problematiche che, nei prossimi giorni, ci impegneranno e non poco”.

Traffico e viabilità: da dove intendete ripartire?

“Intanto possiamo dire con soddisfazione che dallo scorso due aprile è partito in via sperimentale il servizio del Vigile di Quartiere: nei giorni di martedì e giovedì due vigili ausiliari si recano nei quartieri del centro storico per ricevere segnalazioni dai cittadini e per ispezionare il territorio. Anche sulla viabilità è partita la riorganizzazione del servizio: il corpo dei vigili urbani è stato spostato da Piazza S. Domenico in Via E. Altomare perché noi crediamo che Rogliano non sia solo San Domenico, ma anche le periferie e, inoltre, si stiamo ragionando sul potenziamento del corpo dei vigili e su una nuova riorganizzazione del servizio”.

 

In ultima battuta ritengo doveroso chiederle se intende replicare alle critiche mossegli dal senatore Antonio Gentile (Pdl) sull’ultimo numero del nostro settimanale.

Non replico a un senatore della Repubblica, è una questione di stile prima che di rispetto istituzionale”.

Sindaco grazie e buon lavoro.

Grazie a lei”.

 

 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO