Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Sunday
Jun 16th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow Un circolo culturale in memoria del prof. Albino Saccomanno
Un circolo culturale in memoria del prof. Albino Saccomanno
lunedì 25 aprile 2011
livio_volpintesta.jpgdi Antonietta Malito
GRIMALDI – Il Movimento Cristiano Lavoratori (Mcl) ha intitolato un circolo culturale alla memoria del compianto professore Albino Saccomanno. La cerimonia si è svolta alle ore 17 di sabato 19 marzo nella sala multiuso Madre Teresa di Calcutta, e si è conclusa con un rinfresco nella sede di Via Aldo Moro, 50.
Di fronte ad un numeroso pubblico, e in presenza della moglie Francesca Nucci, della figlia Lina, della sorella Ines, dei genitori Francesco e Lina, dei cognati e dei nipoti, è stata ricordata la figura di Albino Saccomanno, ricercatore confermato e docente di Istituzioni di diritto pubblico presso la Facoltà di Economia dell’Università degli Studi della Calabria, scomparso prematuramente all’età di 52 anni il 16 novembre 2005. Le sue doti umane e professionali sono state annoverate attraverso gli interventi di: Alfredo Pagliusi, vice presidente del circolo Mcl di Grimaldi; Livio Volpintesta, presidente; Mario Saccomanno, presidente onorario; Leonardo De Marco presidente provinciale Mcl; Vincenzo Massara, presidenza nazionale Mcl;   Giovanni Notarianne, sindaco di Grimaldi; On. Franco Morelli, presidente della commissione bilancio alla Regione Calabria, con delega alle politiche giovanili.
"Albino era un amico, un uomo attaccato alla famiglia in maniera quasi morbosa, che aveva un enorme spirito di appartenenza alla comunità grimaldese - ha detto Alfredo Pagliusi, che ha aperto la cerimonia e presentato gli ospiti  - . Era un uomo buono, sempre pronto ad ascoltare le esigenze altrui, sempre rigoroso nella sua impostazione di vita, che aveva come riferimento la giustizia, che dedicava allo studio ogni energia. E' commovente poterlo ricordare oggi, intestando la sua memoria a questo circolo che si occuperà di organizzare e di promuovere incontri di formazione per i lavoratori, di addestramento professionale, di sano riempimento del tempo libero, di organizzare, in tutte le forme possibili, iniziative di mutuo soccorso nell'interesse della popolazione".
Dopo di lui, il sindaco Giovanni Notarianne ha portato il saluto istituzionale dell'amministrazione comunale e della cittadinanza di Grimaldi. "A me - ha detto il primo cittadino - piace ricordare Albino come l'amico d'infanzia col quale ho condiviso giochi e confidenze. Era sincero e disinteressato, il dialogo tra noi è sempre stato aperto, come le sue vedute; pacato, come il suo carattere; costruttivo com'era il suo modo di operare". Notarianne ha ricordato che si deve al professore Saccomanno la redazione dello statuto comunale e di alcuni regolamenti che disciplinano aspetti della vita amministrativa grimaldese.
Livio Volpintesta ha ripercorso la storia dell'Mcl, evidenziandone le finalità. "Nato all'inizio degli anni '70 - ha detto il preseidente del circolo cittadino - con coraggio si è proiettato nel futuro, nel rispetto della coerenza e dei principi fondamentali dell'ispirazione cristiana. Oggi, possiamo affermare che il Movimento risulta essere un polo di riferimento di centinaia di migliaia di lavoratori iscritti. I risultati raggiunti sono il frutto di un lavoro comune fatto con passione e determinazione da collaboratori e volontari. Bisogna continuare su questa strada, orgogliosi di appartenere ad una grande storia fatta di donne e uomini che quasi 40 anni fa hanno operato una scelta di vita, di coerenza, traendo dal principio della dottrina sociale della Chiesa la forza necessaria per rappresentare nella società italiana e nel mondo del lavoro le istanze di giustizia, di solidarietà, di volontariato, di fraternità".
E' seguito l'intervento di Leonardo De Marco. "Sono particolarmente emozionato sapendo che siamo qui a ricordare una figura nobile, quale era il professore Albino Saccomanno, che io prima di oggi non conoscevo. Avere una sede intitolata ad un grande uomo - ha affermato il presidente provinciale Mcl - mi porta da oggi a capire più approfondidatemente cosa è stato nella realtà di questa provincia e della nostra Calabria".
"Il circolo è la cellula da cui nasce l'Mcl - ha poi esordito Vincenzo Massara - se non ci fossero i circoli il Movimento non avrebbe motivo di esistere. L'inaugurazione di un circolo significa per noi accendere un'altra lampada che serve a rischiarare su quel territorio una presenza, a creare momenti di condivisione, di umanità. Vogliamo contribuire ad un processo di modernizzazione della Calabria, ad un processo di responsabilizzazione delle coscienze. Una delle attività dell'Mcl - ha concluso il presidente nazionale - è quella della formazione, umana e professionale, una delle caratteristiche che aveva il professore Albino Saccomanno".
E' seguito il ricordo commovente di Mario Saccomanno, fratello del compianto professore. "Non lo ha mai manifestato - ha detto il presidente onorario del circolo Mcl di Grimaldi - ma era un uomo di grande cultura, e questo gli ha permesso di essere una persona umile, di avere una grande apertura mentale, quindi di poter sorridere a tutti, anche a coloro che non avevano le sue stesse idee. Il suo spirito è per le vie di Grimaldi, perchè per il suo paese aveva un attaccamento morboso, tanto da rifiutare degli incarichi presso l'Università di Napoli, di Salerno, di Roma".
Ha concluso gli interventi l'On. Franco Morelli: "Per chi come il professore Saccomanno ha deciso di non spostarsi da Cosenza, per chi come me ha deciso di ritornare in Calabria - ha ammesso - credo che un futuro ci sia, e momenti come questo fanno ben sperare perchè creano le basi affinchè l'uomo possa operare in un certo modo. Dipende solo da noi, dalla nostra volontà e se la volontà viene supportata dalla speranza e viene ad essere orientata con la ragione dalle opere che andiamo a fare, credo che tutto questo possa non essere un sogno e possa partire anche da Grimaldi con questo connubio di idee, con un'organizzazione sindacale che opera sul territorio secondo le idee concrete del professore Saccomanno".
Al termine degli interventi, i presenti si sono trasferiti nella sede di Via Aldo Moro 50, per partecipare al rinfresco che ha concluso la cerimonia, una cerimonia fra amici, che si è conclusa con un brindisi per salutare un uomo che, pur non essendo più presente fisicamente fra noi, rimane per quanti lo hanno conosciuto, apprezzato e stimato, un grande esempio di umiltà e professionalità.
 
Ultimo aggiornamento ( lunedì 25 aprile 2011 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO