Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Tuesday
Dec 10th
Home arrow Notizie arrow Storia arrow Nel 1806 arrivano i francesi che risparmiano Malito per volere dell'Immacolata Concezione!
Nel 1806 arrivano i francesi che risparmiano Malito per volere dell'Immacolata Concezione!
venerd́ 12 agosto 2011
malito, chiesa dell-immacolata concezione.jpgdi Tonino De Marco
Il 1806 segnò un’altra tappa significativa per la storia calabrese che culminò con l’invasione dei francesi. Il 2 luglio scoppiò una rivolta antifrancese in Aiello Calabro; 6 giorni dopo, uno stuolo immenso di facinorosi dei convicini Casali di Malito e Grimaldi, sotto il capo Francesco De Rosa di Grimaldi, si recò in quella cittadina e  diede il sacco alle case dei Solimena, considerati filo-francesi.
Come si sviluppò, in seguito, la situazione nei Casali di Cosenza lo sappiamo da una dettagliata relazione che il colonnello Francesco Costanzo fece pervenire il 27 agosto allo Stato Maggiore di Massena. Dopo aver definito la popolazione di questi paesi “le moins civilisé du Royaume et le plus enclin au vol”, l’ufficiale del genio elencò dettagliatamente tutti i paesi del circondario di Cosenza, dando di ognuno la distanza in miglia dal capoluogo, il numero degli abitanti ed un giudizio conciso sulla “condotta politica”. Per quanto riguarda Malito diede i seguenti dati:
-distanza dal capoluogo:11 miglia;
-popolazione: 1936;
-condotta politica: popolazione sedotta e composta di briganti.
E ritorniamo all’agosto del 1806 quando era al culmine, nella nostra regione, l’invasione degli eretici francesi, che avanzavano dando il sacco a tutti i paesi, appropriandosi delle abitazioni e delle donne, spogliando di ori e d’argento le chiese, seminando il terrore ed il panico ovunque. Il 4 agosto il generale Reynier e la sua truppa con il colonnello Goglié, dopo essere passati per Maione dove compirono le loro “straordinarie prodezze”, se ne salirono, su per la Rupa, alla volta di Malito. Giunti in località “Marra” si racconta che incontrarono una donna che chiese loro: “Dove andate?” “A Malito”, risposero i soldati francesi. “Passate pure per Malito - replicò la donna - ma vi prego di non fare del male a nessuno; rispettate quegli abitanti e quei luoghi per amor mio”. E proseguì il cammino. Giunti in paese, i soldati entrarono nella chiesa della Concezione posta all’inizio dell’abitato. Grande fu la loro meraviglia quando, nell’avvicinarsi all’altare maggiore, riconobbero nella statua della Madonna il volto di quella Signora incontrata poco prima a “Marra”. “E’ stata Lei che vi ha salvato - disse a questo punto il generale Reynier ai fedeli, increduli, raccolti in preghiera. A Lei dovete la massima venerazione e riconoscenza”. Poi chiamò un soldato, si fece consegnare un ostensorio saccheggiato in un’altra chiesa e lo lasciò in dono ai malitesi. Indi si diresse con i suoi soldati a Grimaldi da dove proseguirono per Aiello Calabro. Ancora oggi i fedeli  di Malito invocano la Madonna della Concezione con questa preghiera: “Vergine Immacolata, madre di Dio e madre nostra, a Voi che siete la mediatrice tra Dio e l’uomo, a Voi che  siete La tesoriera della Sue divine grazie ricorsero i nostri Avi dalla fondazione  di questo paese e Vi prescelsero per nostra speciale Avvocata e Protettrice. Come essi, anche noi imploriamo il Vostro materno affetto di madre amorosissima. Soccorreteci in tutti i nostri bisogni spirituali e temporali, consolateci nelle nostre afflizioni, liberateci da ogni castigo e da tutti i mali, come liberaste i nostri avi dall’invasione dei francesi. Scendano su di noi tutti copiose le Vostre grazie, vero balsamo dei nostri cuori infermi. Rivolgete i Vostri occhi benigni sui Vostri figli Malitesi che si trovano nelle lontane Americhe, così  torneranno in seno alle loro famiglie per godersi il frutto del loro onesto lavoro. E quando, o Vergine Immacolata, verrà l’ultimo momento della nostra vita, Voi allora, o potentissima madre, dall’alto dei Cieli, porgeteci la mano e conduceteci nel Paradiso per  ringraziarVi, amarVi e goderVi per tutti i secoli. Amen”.
Nella foto, la Chiesa dell'Immacolata concezione a Malito

 

 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO