Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Tuesday
Aug 20th
Home arrow Notizie arrow Musica, eventi e spettacoli arrow Rogliano / Festa dell'Emigrante, applausi per Sandro Giacobbe
Rogliano / Festa dell'Emigrante, applausi per Sandro Giacobbe
domenica 14 agosto 2011
p1160983.jpgdi Fiore Sansalone
È calato il sipario sulla VIII^ edizione della Festa dell'Emigrante, organizzata da un comitato civico presieduto da Franco Cozza. Sono stati cinque giorni intensi di festa, dal 3 al 7 agosto, con un carnet ricco di iniziative per salutare il ritorno dei tanti concittadini che vivono lontano dalla loro terra.
Un appuntamento dedicato a coloro che per mille ragioni hanno dovuto abbandonare il paese natìo e che oggi vi fanno ritorno per le vacanze. Tra le tante manifestazioni programmate nel cartellone delle proposte estive a Rogliano, dunque, la Festa dell'Emigrante spicca per valore e ricchezza di contenuti oggi che i caratteristici vicoli del paese si rianimano di mille voci e presenze con il ritorno di persone che ritrovano nelle abitazioni chiuse l'emozione del tempo passato. Una valida proposta, ancora una volta organizzata dagli amici del bar Piccadylli, che per una volta all'anno, attraverso un momento di condivisione e di festa, riesce a dare senso e valore a quei sentimenti di appartenenza e fratellanza altrimenti sviliti dalla lontananza e dall'assenza.
Cozza, intervenendo sul palco al fianco della coordinatrice del comitato, Patrizia Gabrieli, ha sottolineato il costante impegno di tutti i componenti del comitato organizzatore che, ha detto, «come sempre con grande sacrificio hanno permesso di ritrovarci tutti insieme nel mese di agosto per condividere sentimenti e amore per la nostra terra. Mantenere vivo il legame con i concittadini lontani - ha aggiunto Cozza - è compito di tutti. Con la nostra iniziativa - ha concluso - la solidarietà fra emigranti e comunità ha assunto concretezza in quest'ultimo periodo, grazie anche ai legami che si sono saputi costruire con i nostri concittadini residenti oltreoceano».
Un plauso, dunque, a tutti i componenti del comitato che nel corso degli anni hanno sempre dimostrato affidabilità e impegno affinché l'iniziativa dedicata agli emigranti potesse registrare il successo che ha sempre avuto. Il loro lavoro è valso a regalare ai nostri concittadini sani momenti di svago e di serenità durante il loro soggiorno a Rogliano.
In questa edizione sono stati diversi i momenti musicali e gli spazi dedicati allo sport, ai giochi, alla gastronomia locale con degustazione ed esposizione di prodotti tipici locali.
Giovedì 4 agosto successo di pubblico per il concerto degli "Zona Bri-ganti" con lo spettacolo “Balla ca te passa”.
Erano le 22.30 circa quando ha avuto inizio lo spettacolo e tutta la piazza, gremita di gente, ha cominciato a ballare e a cantare sulle note degli antichi ritmi della tradizione calabrese.
Il percorso intrapreso da Zona Briganti anni fa sta iniziando a trovare riscontro nelle piazze e nel pubblico. Il successo avuto con l'esperimento musicale “Ritmu Novu”, che combina le culture tradizionali del popolo calabrese con generi che appartengono al mondo contemporaneo della World Music, ha proiettato il gruppo nella top-ten delle classifiche del circuito Mondadori Music.
A continuazione del connubio tradizione-modernità attuato da Zona Briganti con il lavoro “Ritmu Novu” che ha portato innovazione nei testi ma soprattutto nella musica grazie alla scoperta degli strumenti, appartenenti alla tradizione popolare del sud Italia e ad altri generi etnici dislocati in tutto il mondo.
Lo Spettacolo “Balla ca te passa - Tour 2011”, della durata di circa 90 minuti, eseguito da Zona Briganti si articola nell'esecuzione di musiche e balli della tradizione scandite dalla ritmica avvolgente del Tamburello, nel suono contadino e fatato della Lira Calabrese e della Chitarra Battente, nell'armonia sonorica e festiva dell'Organetto, della Ciaramella, della Surdulina.
Il Ritmu Novu di Zona Briganti molto sensibile alle influenze popolari del mediterraneo possiede un linguaggio fruibile ad un pubblico allargato. Grazie all'ammodernamento e internazionalizzazione del sound che deriva da un'accurata scelta di strumenti musicali Zona Briganti proietta nel futuro la musica popolare senza snaturarne le radici.
Il vero punto di forza di Zona Briganti è l'energia che emanano 9 giovani musicisti che riescono a trasmettere freschezza, continuità, libertà pronti a difendere una grossa fetta di Cultura Popolare che ancora oggi non si è compresa a pieno. E proprio come il Brigante fedele alla sua terra, alle sue origini, e non un bandito sanguinario definito da chi ha riscritto la storia, Zona Briganti si autoproclama come “Brigante del Terzo Millennio” radicato nelle origini e nella storia di questa terra ma pronto a modernizzarle per proiettarle nel futuro affinché questa figura leggendaria sia sempre viva e presente nella mente e nei cuori di tutti quanti.
Non è affatto un riarmo culturale del Sud per alimentare dissidi e far nascere fazioni che portano solo a separazioni, Zona Briganti utilizza la musica che è definita il linguaggio dell'arte e della cultura per poter raccontare il passato ed il presente e trovare nei legami come l'Amore un valore del quale oggi tanto si parla ma sembra nel corso del tempo abbia perso e mutato significato ed importanza.
Venerdì 5 agosto è stata la volta della cover band “Area X - Tributo nazionale” Ligabue, un progetto musicale che nasce dalla collaborazione tra i migliori maestri musicisti delle Marche, l'unica vera alternativa di livello nazionale al rocker di Correggio. Un concerto che ha catturato l’attenzione dei giovanissimi.
Sabato 6 lo spettacolo del cantautore genovese Sandro Giacobbe ha coinvolto con allegria il numeroso pubblico intervenuto.
Durante l'esibizione, Sandro Giacobbe, oltre ai brani che lo hanno reso famoso al vasto pubblico: Signora mia, Il giardino proibito, Gli occhi di tua madre, Io prigioniero, Sarà la nostalgia, Primavera, Portami a ballare, ha anche reinterpretato, con grande bravura, pezzi che hanno fatto la storia della musica leggera italiana. Il pubblico presente ha partecipato con entusiasmo, restando unito al bravo cantante genovese per tutta la serata.
Domenica 7 agosto c’è stato lo spettacolo di danza de "Le Stelle del Mediterraneo", compagnia composta dalle ballerine: Antonella Villella, Rossella Villella, Marianna Serravalle, Rosy Ferrari, Arianna Ferrari, Giulia Citrigno ed Elisa Gallo, accompagnate dalla voce di Gabriele Pagnotta e dalla sempre brava Maria Teresa Marcianò. Più tardi si sono esibite le ballerine vincitrici di "Mattina in famiglia". È stata una serata che ha regalato grandi emozioni.
L'edizione 2011 dedicata all'Emigrante, si è chiusa con l'estrazione dei premi della lotteria abbinata alla manifestazione, con la premiazione del torneo di calcio a cinque e con uno spettacolo fantasmagorico di fuochi pirotecnici.
Ultimo aggiornamento ( luned́ 15 agosto 2011 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO