Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Friday
Nov 22nd
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow Storia e costumi dei Comuni della Valle del Savuto
Storia e costumi dei Comuni della Valle del Savuto
venerdì 23 settembre 2011
Promossa dal Rotary club Rogliano Valle del Savuto

ponte s. angelo.jpgdi Marilù Pallone*
Il Rotary Club “Rogliano Valle del Savuto”, con il patrocinio delle Amministrazioni comunali del territorio e della Comunità Montana del Savuto, coadiuvati dall’Assessorato Regionale alla Cultura ha organizzato per sabato 24 e domenica 25 Settembre la I edizione di Storia e costumi dei Comuni della Valle del Savuto.
L’evento si terrà presso il Ponte Romano del 203 a. C. situato tra le località di Altilia e Scigliano. La manifestazione è finalizzata alla raccolta di fondi da destinare al “Progetto Polio Plus” proposto della Rotary Foundation e dalla Fondazione Bill Gates a carattere internazionale, per l’eradicamento della poliomelite nel mondo. All’evento parteciperanno le più alte autorità locali, civili, politiche, religiose e militari, storici ed esperti. Un evento ricco di arte, cultura e specialità enogastronomiche. Il Club Rotary del Savuto, al suo secondo anno di attività, vuole dimostrare il suo radicamento nel territorio, il suo attaccamento alla comunità e lo fa partendo dal Ponte Romano, monumento storico nazionale che insieme al ponte Fabbrico (69 a. C.) sono i più antichi d’Italia. Si pensi che storicamente il Ponte di Annibale o di Sant’Angelo faceva parte dell’antica via romana, la Popilia, che venne costruita a partire da Reggio Calabria per poi congiungersi con le altre arterie che portavano a Roma. La data scelta per l’evento è da considerarsi un viatico di sensibilizzazione e di rivalorizzazione dei tesori e delle tradizioni locali. Si ricordi, infatti, che fino a pochi decenni addietro, nel medesimo periodo e nello stesso luogo, si teneva la consueta festa di Sant’Angelo che contemplava tra le varie usanze la consumazione di piatti preparati in loco a base di capra. Nel 2011, anno del 150° dell’Unità d’Italia, riproporre il passato con la sua straordinaria valenza storica riletto in chiave attuale vuole essere un gesto dovuto per qualsivoglia associazione che abbia come obiettivo primario il non depauperamento dei valori, delle tradizioni e del patrimonio culturale del territorio cui appartiene e non solo. L’appuntamento del 24 e 25 sarà solo l’inizio di una serie di lavori per un periodo decennale durante il quale, ogni anno, verrà riproposta una manifestazione per tutti gli altri Comuni della Valle del Savuto ove ricade la territorialità del ponte.

* Prefetto RC Rogliano Valle del Savuto
Ultimo aggiornamento ( venerdì 23 settembre 2011 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO