Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Tuesday
Nov 12th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow Terremoto. Mancata dichiarazione dello stato di calamità / Corbelli pronto a denunciare Monti
Terremoto. Mancata dichiarazione dello stato di calamità / Corbelli pronto a denunciare Monti
martedì 06 novembre 2012
corbelli.jpg«Il presidente del Consiglio, Mario Monti, e il suo esecutivo, se dovesse succedere qualche tragedia, saranno denunciati alla Magistratura, per la mancata dichiarazione, da parte del Governo, dello stato di emergenza in Calabria per il terremoto e il continuo sciame sismico che nel Pollino va avanti ininterrottamente da oltre due anni».
È quanto si legge in una nota a firma di Franco Corbelli, leader del Movimento Diritti Civili, per il quale la mancata dichiarazione dello stato di emergenza «è un fatto grave e inaccettabile. È non solo una offesa, una discriminazione ma un crimine contro la popolazione del Pollino, contro una intera regione e tutta la sua comunità».
Corbelli aggiunge: «Per dichiarare lo stato di emergenza e di calamità si aspetta solo che Mormanno e gli altri paesi del Pollino interessati da questi continui terremoti vengano sepolti da un terremoto devastante! Tutto ciò non è solo profondamente ingiusto e inaccettabile ma è un atteggiamento irresponsabile e criminale, un crimine contro la popolazione del Pollino perché viola i principi elementari di giustizia e di umanità. Il Governo guarda e tratta la Calabria in modo discriminatorio e sprezzante».
«Perché - si chiede Corbelli - se una calamità si verifica in altre regioni, del Centro e del Nord, il Governo giustamente interviene prontamente con la concessione di tutti gli aiuti e i benefici di legge previsti, se invece l'evento sismico (in questo caso) si verifica in Calabria i diritti vengono di fatto sospesi, negati e cancellati?».
Per il leader di "Diritti civili", «è questo l'aspetto più grave, ingiustificato e inaccettabile. La Calabria viene trattata da questo Governo, dei tecnici e dei poteri forti, così come del resto anche dagli Esecutivi precedenti, in modo assolutamente discriminatorio. In questo caso, con la mancata dichiarazione dello stato di emergenza per lo sciame sismico nel Pollino, mettendo a rischio l'incolumità delle persone. Per questo - conclude - se dovesse succedere qualche tragedia denunceremo il Governo alla magistratura».

 

Ultimo aggiornamento ( martedì 06 novembre 2012 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO