Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Friday
Aug 23rd
Home arrow Notizie arrow Politica arrow Un'Altra Rogliano / C'Ŕ chi dice no!!..
Un'Altra Rogliano / C'Ŕ chi dice no!!..
mercoledý 16 novembre 2016
un altra rogliano dice no.jpg
Venerdì 11 novembre, presso il museo di Arte Sacra di Rogliano, il gruppo “Un’Altra Rogliano”, insieme al “Comitato per il no”, ha organizzato un dibattito per sostenere le ragioni del NO al prossimo referendum costituzionale del 4 dicembre, a cui ha partecipato l’On. Roberto Occhiuto.
L’On. Occhiuto, attraverso il suo intervento, ci ha illustrato in maniera chiara e precisa la riforma che dovremmo andare a votare, i punti critici della stessa e le conseguenze che apporterà nel nostro scenario politico nazionale e finanche al locale…
Sul caso locale l’onorevole Occhiuto ha esordito dicendo: "È sconcertante che il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, chieda al Governo di porre fine al commissariamento della sanità e poi voti Sì a un referendum che gli toglie ogni potere. O non ha letto la riforma oppure è un Giano bifronte".
Abbiamo voluto organizzare questo incontro oltre che per dichiarare con forza e determinazione il nostro NO, anche per far sì che le ragioni del nostro NO diventino anche le ragioni di tutti!!
Vogliamo che il NO scaturisca da una scelta consapevole e precisa, non da scelte istintive e impulsive, magari dettate da sentimenti di antipatia e avversione nei confronti di chi l’ha proposta. 
È fondamentale votare NO, ma con consapevolezza e bene informati.
Diciamo NO perché la riforma Boschi è fortemente voluta dai poteri forti, fatta per tutelare gli interessi di pochi e non di tutti, e per concedere privilegi ai privilegiati. Dunque è una riforma funzionale ai poteri forti, che concede alla casta politica e all’esecutivo più potere di quello che hanno già.
In poche parole si tratta di una riforma molto PERICOLOSA, aspramente avversata dalle opposizioni parlamentari e non, nonché da molti costituzionalisti, esperti in materia.
Molti di questi temono che la riforma costituzionale votata dalla maggioranza sia “l’anticamera di uno stravolgimento totale dei principi della nostra Costituzione e di una sorta di nuovo autoritarismo”.
Ci vogliono far credere che abolendo il Senato si ridurranno i costi della politica, ma non è affatto vero!!
Esistono molti modi per farlo e se l’esecutivo lo avesse voluto fare veramente, avrebbe potuto farlo da tanto e in vari modi: riducendo vitalizi e privilegi vari alla casta politica, evitando di sostenere e supportare le grandi banche ed il loro entourage, invece di tutelarle, diminuendo il numero dei deputati.
È necessario andare a votare, è un nostro dovere sacrosanto, anche perché, trattandosi di un referendum costituzionale, non è richiesto un quorum, cioè una quota minima di votanti aventi diritto, perché sia ritenuto valido. Quindi la riforma entrerà in vigore se il numero dei voti favorevoli sarà superiore al numero dei voti contrari.
Infine il nostro NO è motivato anche da sentimenti di rispetto che nutriamo nei confronti della Costituzione, di rispetto nei confronti dei principi supremi in essa contenuti e sanciti, di rispetto verso i nostri padri costituenti che, per quei principi, hanno combattuto e sofferto e che hanno voluto tutelare e salvaguardare.
Votiamo NO per tutelare la nostra libertà, in tutte le sue forme, di pensiero, di espressione e votiamo NO per poter liberamente scegliere chi ci deve rappresentare.
Il cambiamento prospettato dalla riforma non sarà utile e vantaggioso per tutti.
Quindi dobbiamo dire NO ad una riforma che tutela i diritti di pochi privilegiati e non tutela i diritti e gli interessi di un popolo, il popolo Italiano.
Un’Altra Rogliano
 
Ultimo aggiornamento ( giovedý 17 novembre 2016 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO