Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Sunday
Jan 20th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow Grimaldi, presentato il volume di Attilio Sabato "Potere & poteri"
Grimaldi, presentato il volume di Attilio Sabato "Potere & poteri"
giovedì 16 febbraio 2017
attiliosabato.jpg
di Piero Carbone

«Un libro di storia contemporanea con valenza didattica, piacevole dal punto di vista letterario e profondo nella cronaca politica degli ultimi anni». Così il professor Enrico Caterini ha presentato il lavoro di Attilio Sabato “Potere & poteri” durante l’incontro organizzato dall’amministrazione comunale. Il docente ha spiegato come il volume punti i fari sui politici calabresi, su una politica sempre più impotente perché incapace di assumere le decisioni strategiche». Atteso l’intervento del direttore di Ten, per il quale l’opera non è amata dai politici.
«La politica del compromesso, dell’amico di famiglia, del porta a porta, delle segreterie, la ricerca spasmodica del consenso. Il merito - ha chiosato Sabato - non è mai esistito in questa regione». E singolare è il racconto che fa di Cecchino Principe, il quale appena eletto alla Regione, si chiedeva cosa fosse quel via vai di persone negli uffici regionali con cartelle in mano; per poi scoprire come fossero stati assunti senza nemmeno un colloquio. «Si pensi - ha spiegato -  che il primo concorso alla Regione per il personale risale al 2005».
Nel libro, si ripercorre la storia politica a partire dal 1992 con l’avvento del presidente Nisticò, della prima Forza Italia, «fatto fuori dai maneggioni della politica, e dal ribaltone che portò Gigi Meduri alla presidenza». Con i nomi dei politici di rango come Mancini e Misasi si è dato il via al dibattito, al quale hanno partecipato il sindaco di Grimaldi, Carlo Ferraro, l’assessore alla Cultura, Gabriella Occhipinti, l’ex sindaco di Dipignano, Francesco Capocasale, l’economista Mimmo Bilotta, e la presidente della Fondazione Misasi, Maria Locanto. Il raffronto dell’attuale momento politico con la Prima Repubblica è stata viscerata nei loro interventi. Attilio Sabato, infine, ha motivato la sua opera, come un contributo alla ripresa della politica sana, che abbia idee da mettere in campo e che metta in condizione i giovani di crescere nel loro territorio.
Ultimo aggiornamento ( giovedì 16 febbraio 2017 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO