Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Friday
Aug 23rd
Home arrow Notizie arrow Politica arrow «CON IL FONDO SANITARIO SI CREI UN NUOVA RETE ONCOLOGICA»
«CON IL FONDO SANITARIO SI CREI UN NUOVA RETE ONCOLOGICA»
martedì 28 febbraio 2017
giuseppe graziano.jpgGraziano: Dati allarmanti. Ogni anno dalla Calabria emigrano 52mila malati di cancro

 

«Il Governo Oliverio sfrutti parte delle risorse della ripartizione del Fondo sanitario nazionale per creare una nuova ed efficiente rete per la cura del cancro. Gli ultimi dati sull’emigrazione dei pazienti oncologici calabresi, costretti ad andare via dalla nostra regione per curarsi, sono allarmanti. Conta circa 52mila persone il popolo degli ammalati che durante lo scorso 2016 dalla Calabria è partita verso le solite strutture sanitarie del Nord per effettuare le terapie antitumorali. Dopo la Campania siamo la Regione con il trend più negativo d’Italia! E questo non perché da noi manchino medici e professionisti di eccellenza capaci di far fronte alle esigenze degli utenti. Tutt’altro. Manca, invece, quella buona organizzazione che renda efficiente il sistema sanitario e che, attraverso le risorse necessarie e la fornitura di idonee strumentazioni, ponga i medici delle strutture pubbliche nelle migliori condizioni di operare ed intervenire».
È quanto dichiara il Segretario questore del Consiglio regionale Giuseppe Graziano che sulla ripartizione del Fondo sanitario nazionale assegnato alla Calabria per il 2016 ha presentato un’interrogazione al Governo Oliverioper sapere come la Giunta regionale intenda destinare le risorse.
«I dati emersi dal rapporto dell’Associazione italiana di oncologia medica – dice Graziano – sono a dir poco allarmanti e dimostrano, ancora una volta e semmai ne fosse servita conferma, che le politiche economiche del Governo nazionale, soprattutto quelle varate negli ultimi anni, sono a netto appannaggio delle regioni del Nord: interessate ogni anno da nuovi interventi o comunque sempre foraggiate con finanziamenti raddoppiati e triplicati rispetto a quelle del Sud. Questo con la conseguenza che nel 2016 sono stati 800mila gli ammalati, solo quelli oncologici, che dal Meridione sono emigrati al Nord, principalmente in Lombardia, per trovare le cure idonee alle loro patologie. Dei 109 miliardi, nel salvadanaio nazionale della sanità – precisa ancora il Segretario questore - a noi arrivano solo 3 miliardi, poco più della metà dei fondi equamente ridistribuiti tra tutte le regioni. Ancora una volta, quindi, dobbiamo fare di necessità virtù!»,
Da qui l’appello di Graziano ad Oliverio:  «Spendiamoli bene, allora, questi soldi tracciando una lista di priorità e di servizi che mirino a limitare la spesa sanitaria destinata al pagamento delle parcelle per le prestazioni offerte dalle altre regioni italiane ai nostri ammalati. Si crei, da subito, un’efficiente rete oncologica che dia strumenti e risorse necessarie ai tanti bravi medici che operano nelle strutture ospedaliere calabresi e che ad oggi, in mancanza di idonee e moderne attrezzature, non sono messi nelle migliori condizioni di operare. Diamo un taglio alle spese folli – conclude Graziano - per opere e interventi inutili e investiamo le poche risorse che abbiamo per rimettere in sesto la rete ospedaliera, fornendola di medici e nuove tecnologie».
Ultimo aggiornamento ( martedì 28 febbraio 2017 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO