Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Sunday
Jan 20th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow 8 marzo: "Non Una di Meno" anche al CNR di Rende
8 marzo: "Non Una di Meno" anche al CNR di Rende
mercoledì 08 marzo 2017
rende 8marzo.jpg
All’appello del coordinamento nazionale “Non Una di Meno” ha risposto anche l’area della ricerca di Rende, con una “assemblea di sensibilizzazione sulle tematiche della giornata internazionale delle donne”.
«Un’occasione – hanno sottolineato le organizzatrici - di confronto e di riflessione sui temi più sensibili che riguardano l’universo femminile, la condizione della donna».
La discussione è stata introdotta da Antonella Veltri, figura storica del femminismo calabrese e delle battaglie contro la violenza di genere, ricercatrice presso l’Istituto per i Sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo. «Quella di oggi – è stato il suo esordio - è una giornata storica. La prima volta che in questa occasione si fa uno sciopero, con arresto delle attività produttive e di cura. Credo che il nostro sia l’unico istituto del CNR che oggi ospita un incontro direttamente collegato alla mobilitazione nazionale». Poi, nel suo intervento, ha sviluppato alcuni temi cruciali legati alla condizione femminile, dalla disparità di genere nel mondo del lavoro alla violenza sulle donne, argomento prevalente nella piattaforma della mobilitazione lanciata dal movimento “Non Una di Meno”.  «C’è ancora molta strada da fare per la piena emancipazione delle donne e il grande tema rimane, purtroppo, quello della violenza di cui le donne ancora sono vittime per mano dei maschi».
Sonia Vivona, tecnologa presso lo stesso istituto, si è soffermata sulla funzione del Comitato Unico di Garanzia (Cug), organismo che ha nella sua mission il benessere nei luoghi di lavoro ed il contrasto delle discriminazioni, a cominciare da quelle di genere. Sono intervenute anche Giorgia Santangelo, Maria Orrico, Dora Napoli ed Annelise Arcuri.
Ognuna ha portato un suo contributo sui temi dell’obiezione di coscienza rispetto all’aborto, il benessere nei luoghi di lavoro, la condizione delle donne immigrate, il significato dell’8 marzo nel mondo. La mattinata si è conclusa con la lettura da parte di Sonia Vivona di una sua poesia, tratta dalla raccolta “Prendimi per mano” (Aletti Editore), intitolata proprio alla giornata della donna.  
Ultimo aggiornamento ( mercoledì 08 marzo 2017 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO