Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Monday
Jul 23rd
Home arrow Notizie arrow Politica arrow Sviluppo del territorio, la Uil di Cosenza verso un confronto con il M5s
Sviluppo del territorio, la Uil di Cosenza verso un confronto con il M5s
giovedý 19 aprile 2018
uil.gif
La Uil cosentina guarda all’evolversi della situazione politica e punta ad aprire un confronto di merito con le forze rappresentative del territorio che hanno vinto le elezioni  politiche.
Dopo il voto del 4 marzo, mai, come in questo momento, il sud ha un ruolo centrale nella politica nazionale.
A dichiararlo è il segretario della Uil cosentina, Roberto Castagna, che parla di un mezzogiorno che, pur vantando alcuni distretti competitivi, particolarmente nell’agroalimentare, vive una ripresa molto più lenta rispetto al resto del paese e al resto dell’europa.
Dall’inizio del secolo il meridione è rimasto indietro di molto: ha perso un terzo sulla media europea, è stato di oltre 10 punti indietro al centro nord del paese e persino indietro di 5 punti alla Grecia.
In Calabria, Campania e Sicilia oltre la metà della popolazione viene considerata a rischio povertà e di esclusione sociale.
Dall’inizio del secolo quest’area ha visto emigrare un decimo dei suoi abitanti, i più dinamici e i più istruiti.
Il risultato del 4 marzo premia vistosamente il M5s che diventa l’interlocutore politico più importante per un Sud che si aspetta risposte concrete sul piano della legalità, dello sviluppo e  del lavoro.
Il problema non è reddito di cittadinanza si o no ma una politica che riduca sensibilmente le diseguaglianze economiche e sociali e dia riscatto ad una società, fino ad oggi, condannata alla sudditanza e allo squilibrio economico e sociale.
Come sindacato siamo impegnati a rivendicare una leva fiscale sulle persone e sulle aziende capace di dare più soldi a chi oggi ne ha pochi e di evitare le delocalizzazioni aziendali, ridare fiducia agli investimenti, riattivare il lavoro nelle costruzioni e nei servizi.
Quella leva fiscale sulle persone, tanto cara a noi della Uil, che, unitamente ad una politica salariale più forte e ad un adeguato aumento delle pensioni, può essere l’elemento di svolta per un sud ancora oggi segnato da una vasta area di povertà e di disagio sociale.
La Uil cosentina, nelle prossime settimane, aprirà un confronto con la rappresentanza parlamentare, a partire dai rappresentanti del movimento 5 stelle, per discutere del programma di governo e avanzare una serie di proposte specifiche per il territorio capaci di aiutare processi di sviluppo e  di avanzamento sociale ed economico.
 
Il segretario generale
Ultimo aggiornamento ( giovedý 19 aprile 2018 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO