Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Monday
Jul 23rd
Home arrow Notizie arrow Interviste arrow LA BELLEZZA ETEREA DI LIVIA
LA BELLEZZA ETEREA DI LIVIA
giovedý 26 aprile 2018
livia.jpg
Ha 17 anni e un volto incantevole. Livia Drilea, fotomodella, si racconta in questa intervista: «Ho sconfitto la malattia grazie alla voglia di vivere e all'amore della mia famiglia»
 
di Antonietta Malito

Quella di Livia Drilea è una bellezza che incanta: capelli biondi, pelle diafana, occhi grandi ed espressivi, sorriso radioso e un corpo da pin up.
Diciassette anni appena compiuti, Livia è nata in Romania ma, a soli 4 anni, si è trasferita con i suoi familiari in Calabria, precisamente a Maione (Altilia) e, due anni più tardi, a Grimaldi, dove suo padre ha trovato lavoro. Oggi vive a Belsito, frequenta l'Istituto Tecnico "Nitti" di Cosenza e, nel tempo libero, fa la fotomodella.
Il mondo patinato della moda non ha scalfito la freschezza e la spensieratezza della sua età. Livia è un'adolescente serena, che crede fermamente nell'amicizia e nella famiglia, punto cardine nella sua vita. Una giovane vita che le ha regalato tanto, ma che allo stesso tempo l'ha messa duramente alla prova quando, a soli 13 anni, ha dovuto combattere contro un brutto male. Ma Livia non si è arresa ed ha lottato con forza, dimostrando che dietro al suo aspetto dolce e delicato da cerbiatto, si nasconde una vera leonessa.

livia 2.jpgChi è Livia?
«Sono una ragazza solare, socievole e molto altruista. Sono anche testarda e orgogliosa, ma so perdonare chi non mi prende in giro».

Sei una fotomodella ed hai partecipato a diversi concorsi di bellezza. Cosa ti senti di dire alle ragazze che, come te, aspirano a conquistare una fascia?
«Frequento dei corsi di portamento e spesso faccio servizi fotografici. Ho partecipato a numerosi concorsi di bellezza, collezionando centinaia di fasce. Alle ragazze attratte da questo mondo, voglio dire che i concorsi mi hanno insegnato che non serve a nulla invidiare la prima classificata, perché ognuna di noi ha delle caratteristiche peculiari che la rendono unica, indipendentemente dal posto conquistato in classifica. I concorsi non premiano la persona e neanche la vera bellezza, che è quella interiore».

Cosa sogni di fare da grande?
«Non progetto nulla, ma di una cosa sono certa: finirò la scuola ed andrò all'università».

Nonostante la tua giovane età, hai combattuto un brutto male. Come ricordi quella fase della tua vita?
«Mi sono ammalata quando avevo 13 anni. È stato un periodo molto difficile, al quale sono seguiti anni per niente felici e passeggeri, ma la mia famiglia mi ha aiutata molto, ed anche la fede. Quando accade una cosa del genere, si deve essere coscienti della gravità della malattia e delle problematiche che ne conseguono. Non è certamente una "passeggiata", ma con tanta forza e amore si può affrontare e superare tutto. L'anno scorso, per ricordare questa fase delicata della mia vita, mi sono fatta tatuare la frase "Forte come due ma sei solo una", dedicandola a me stessa, che ho lottato con tutte le mie forze, e a mia madre, che mi è stata sempre accanto nella malattia. A chi lotta contro il cancro, vorrei dire di non mollare mai e di lasciarsi circondare dall'amore vero, perché solo così si diventa invincibili, anche contro "un mostro" che ci fa paura e che sembra più grande di noi».

Per chi ti piacerebbe sfilare, un giorno?
«Sono tanti gli stilisti che adoro e, se un giorno potessi scegliere, sceglierei senz'altro Armani, Versace e Dolce e Gabbana».

Hai un forte legame con la tua famiglia?
«La mia famiglia è fondamentale nella mia vita, senza di loro non sarei arrivata dove sono oggi. Ho un fratello e una sorella, Eduardo e Roxana, siamo molto legati e mi coccolano perché sono la piccola di casa, anche se spesso discutiamo per cose futili, ma credo che accada un po' a tutti. In futuro, mi auguro di formarne una mia».

In cos'altro credi?
«In Dio, nell'amicizia e nell'amore vero».

Chi è la tua icona di stile?
«Senza dubbio Winnie Harlow, alla quale mi sento di somigliare per la sua forza interiore e perchè non si lascia influenzare dai pregiudizi della gente».
Ultimo aggiornamento ( giovedý 26 aprile 2018 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO