Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Saturday
Dec 07th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow Dissociatore molecolare nel territorio di Marzi? Forse...
Dissociatore molecolare nel territorio di Marzi? Forse...
venerdì 29 agosto 2008
Luigi Michele Perri, Sabato ed  Eugenio Guarascio
Luigi Michele Perri, Sabato ed Eugenio Guarascio
MARZI - I sindaci del Savuto sanno bene che sul loro territorio troneggia un’emergenza che rischia di diventare davvero drammatica da un giorno all’altro.

Parliamo dei rifiuti e del loro smaltimento. Si cerca una soluzione alternativa alla discarica di Crotone, costosa e in via di esaurimento. A Marzi, lo scorso 28 agosto, si è così pensato di ospitare il professore Adolfo Sabato (Unical) per parlare di dissociazione molecolare dei rifiuti. Una tecnica innovativa che attraverso un intricato meccanismo di funzione riesce non solo a smaltire i rifiuti ma – a detta del professore Sabato – anche a dare garanzie dal punto di vista ambientale tanto, che il materiale ottenuto, può essere adoperato come ammendante nei terreni coltivati. Altro fattore positivo, secondo la teoria illustrata dal docente universitario, è il garantito abbattimento dei costi di smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Ad ascoltare l'esposizione di Adolfo Sabato, nella sala consiliare di Marzi, tanti residenti, i sindaci del comprensorio,

Gallo a sinistra, e Aiello
Gallo a sinistra, e Aiello
rappresentati al tavolo dei lavori da Rodolfo Aiello (Marzi) e Giuseppe Gallo (Rogliano); esponenti politici e l’assessore provinciale, Ferdinando Aiello (Rifondazione Comunista). L'assessore Aiello e a sinistra il vicesindaco di MarziInsomma il progetto sarebbe quello di collocare un siffatto impianto nel territorio di Marzi, nel tratto che confina con il comune di Santo Stefano di Rogliano (Valleggiannò). Il condizionale è d’obbligo. Per adesso si sta solo vagliando il funzionamento di questo impianto (differente da quello islandese) che dovrà assicurare la tutela di tutto l’ ambiente circostante prima di varcare la porta del Savuto.  

                                                                      Francesca Gabriele

 

 

Ultimo aggiornamento ( venerdì 29 agosto 2008 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO