Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Wednesday
Dec 11th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow Piromani, assassini! Il monito di monsignor Nunnari
Piromani, assassini! Il monito di monsignor Nunnari
martedì 09 settembre 2008

U

di Marisa Fallico*

  “Image

Mani assassine, fermatevi”. Parole forti quelle di mons. Salvatore Nunnari, arcivescovo di Cosenza-Bisignano.

Un vero e proprio anatema contro le mani criminali che continuano ad appiccare i roghi in Calabria. “I piromani – afferma il presule – hanno un velo sul cuore. Offendono Dio che ha donato la natura all’uomo come bene prezioso da utilizzare e difendere, ma anche i fratelli. Arrivano a provocare la morte come successo lo scorso anno in un incendio a Lappano (CS) nel quale ha perso la vita il giovane caporal maggiore, Eugenio Nigro. Un ragazzo – meraviglioso a cui è stata data la medaglia d’oro al valor civile – sottolinea mons. Nunnari – ma che non ripaga del sacrificio di una giovane vita. Il mondo ha bisogno di serenità, basta con la cattiveria!”. Gli incendi, una emergenza continua in Calabria. Dopo la due giorni di fuoco nel cosentino con punte di 200 roghi in 24 ore, oggi il fronte delle fiamme si è spostato nel reggino. Bruciano i boschi di Sant’eufemia di aspromonte, Bova e Bagaladi. Anche nella sila catanzarese nei pressi di Villaggio Mancuso canadair, vigili del fuoco, uomini del corpo forestale, dell’afor e volontari in azione per domare un vasto incendio attivo da tre giorni. Leggermente migliorata la situazione nella provincia di cosenza dove si registrano due sole – si fa per dire – criticità: a Paola e Grisolia. Nonostante le campagne di sensibilizzazione, di prevenzione menti malate e criminali continuano nella loro azione distruttiva. Da qui l’intervento deciso di Mons. Nunnari che benedice gli uomini impegnati a spegnere gli incendi mentre condanna severamente i piromani che secondo il presule “si pongono al di fuori della chiesa. Non c’è una scomunica diretta, ma non possono far parte della comunità ecclesiale e sociale perchè appiccare gli incendi è un grave peccato, ancora più grave quando lo si fa per interessi illeciti o per pura cattiveria”.
*Giornalista dell'emittente televisiva Ten 
www.tenonline.it 
Ultimo aggiornamento ( martedì 09 settembre 2008 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO