Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Tuesday
Dec 10th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow La pioggia fa rientrare l'allarme incendi
La pioggia fa rientrare l'allarme incendi
lunedì 15 settembre 2008

di Marisa Fallico*

Image
L’arrivo della tanto invocata pioggia non ha alleviato solo i disagi per le temperature torride che hanno scandito gli ultimi tre mesi;

non solo ha ristorato le campagne a rischio siccità, ma ha segnato una tregua in quella che è stata una vera e propria emergenza: gli incendi. E se è vero che rispetto allo scorso anno sono diminuiti, è altrettanto vero che nonostante la campagna di prevenzione, nonostante lo spiegamento di uomini e mezzi, centinaia e centinaia di roghi hanno devastato boschi e macchia mediterranea in tutta la regione, soprattutto nel cosentino dove nei giorni scorsi si è toccato il record di circa 200 focolai in un solo giorno. I tanti, troppi ettari andati in fumo nelle scorse settimane cozzano e stridono con i proclami, le promesse, gli impegni elargiti a piene mani dopo la tragica estate 2007 in cui la Calabria si è aggiudicata il primo posto in Italia per numeri di incendi: oltre il 70% in più rispetto al 2006, con un aumento della superficie boschiva e non boschiva bruciata rispettivamente del 350% e del 270% in riferimento all’anno precedente, senza contare le vittime umane. Qualcuno potrebbe obiettare che non è facile tenere sotto controllo tutto il territorio, che i piromani sono in forte aumento, che risulta difficile individuarli come dimostrano i pochissimi arresti a fronte dei moltissimi roghi appiccati dolosamente. Tutto vero, ma ciò che inquieta è come mai le fiamme hanno bruciato per ore, per giorni prima di essere spente? E’ forse il sistema di allerta e di coordinamento degli interventi che non è abbastanza efficiente? O le disfunzioni vanno ricercate nella dotazione di uomini e mezzi, anche se la Calabria può contare su migliaia di unità tra operai forestali, vigili del fuoco, uomini del corpo forestale e volontari. Riflessioni che andranno sicuramente fatte dal governo regionale e dalla centrale unica a cui è stato affidato il compito di contenere e gestire l’emergenza incendi e contrastare l’azione di criminali senza scrupoli, quasi sempre impuniti.

*Giornalista di Ten

Visita: www.tenonline.it

 

 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO