Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Wednesday
Dec 11th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow L'odissea del Distretto Socio - Sanitario
L'odissea del Distretto Socio - Sanitario
giovedì 23 ottobre 2008

di Francesca Gabriele

ImageEra l’estate del 2006. L’esecutivo a guida Giuseppe Gallo si era insediato da poco meno di due mesi, e si trovò ad affrontare la prima emergenza: il Distretto Socio –Sanitario.

La struttura, infatti, non risultava essere inclusa nell’Atto aziendale così come fu fatto per l’ospedale di Rogliano. Una condanna a morte, per fortuna scongiurata, grazie all’impegno del sindaco e dell’assessore alla salute, Mario Altomare. Il plesso di Via Eugenio Altomare eroga dietro prenotazione tanti ed indispensabili servizi sanitari. Il 30 settembre 2008 nel corso dell’assise comunale il consigliere di minoranza Pietro Buffone (ex assessore comunale) ha chiesto al sindaco Gallo e al suo esecutivo,con regolare ordine del giorno, di riaccendere i riflettori sul futuro del Distretto di Rogliano, vincolato all’Azienda sanitaria provinciale diretta da Franco Petramala. «Una situazione drammatica» così l’ha definita il leader del Pdl locale, Leonardo Citino. «Il Distretto Socio – Sanitario a quanto sembra rischia la chiusura. E’ alquanto brutto dirlo – ha precisato Citino – ma pare che il direttore generale non abbia buone intenzioni per quello che riguarda il futuro di questa struttura. Il Pdl – ha aggiunto - si augura di errare, ma è noto che in tutto quello che abbiamo detto fino ad oggi, nessun errore è stato commesso. Dalle ultime affermazioni arrivate in sede di Consiglio comunale per bocca del collega Pietro Buffone apprendiamo che la struttura non è dotata neanche dell’adeguata strumentazione. Per non parlare delle condizioni in cui versa da due anni a questa parte l’edificio».

Citino ha ammonito:«La situazione è catastrofica, così come lo è per l’ospedale. Che fine ha fatto – si è chiesto  – il reparto di dialisi? A che punto sono i concorsi per la nomina di un primario? E la nomina del direttore sanitario?». Infine il dirigente del Pdl ha reclamato per l’ennesima volta una riunione con la Commissione Sanità. Non è rimasto inerme neanche il capogruppo dell’Unione, nonché assessore provinciale con delega alla Sanità, Ferdinando Aiello, che ha chiesto la convocazione di un Consiglio comunale aperto e straordinario alla presenza del direttore generale dell’Asp e dell’assessore regionale alla salute. «Bisogna capire – ha detto Aiello lo scorso 30 settembre, rivolgendosi ai componenti del consiglio comunale - che cosa si vuole fare di questa struttura. Se il direttore generale ha in mente qualcosa di strano – ha assicurato - faremo le barricate». L’assessore provinciale ha ancora chiesto piena collaborazione alle forze di minoranze attraverso la concertazione di un unico ordine del giorno. «Devono darci delle risposte entro un termine preciso. A nessuno – ha concluso l’esponente di Rifondazione Comunista – venga in mente di calpestare questo territorio».

Una struttura decisamente nuova quella di Via Eugenio Altomare i cui servizi furono fortemente voluti dall’onorevole Pierino Buffone. Ambienti confortevoli, personale altamente specializzato. Eppure sembra che nonostante gli ottimi presupposti non se ne voglia proprio avere cura. Se pur ininfluente rispetto al problema della strumentazione, che sarebbe carente e che risulta necessaria per il suo potenziamento, a livello strutturale il Distretto attende da anni di portare a termine i lavori che riguardano la facciata esteriore. Come dire: a questa struttura non si vuol proprio dare la giusta dignità che merita, che meritano gli utenti che ad essa si rivolgono e chi vi opera.

Precisazione: Per motivi di stampa questo articolo non è leggibile in forma integrale sul settimanale La Voce del Savuto.

 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO