Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Saturday
Dec 14th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow Sanità calabrese:Sacconi pronto a commissariare
Sanità calabrese:Sacconi pronto a commissariare
lunedì 10 novembre 2008

ImageLoiero annuncia linea dura contro chi si oppone alla chiusura dei nosocomi. Venerdì, 14 novembre, si riunirà il consiglio regionale.

di Francesco Chindemi


Che la sanità calabrese stia attraversando una momento non certo felice è sotto gli occhi di tutti.

Nonostante gli impegni assunti dalla Regione e le dichiarazioni d'intenti, però, non è da escludere l'ipotesi che il delicato settore della salute anche in Calabria possa essere presto commissariato dal Governo nazionale. È lo stesso ministro del Welfare e della Sanità, Maurizio Sacconi a lasciare intendere che <dopo il commissariamento di Abruzzo e Lazio, non sono ammessi sconti per nessuno. E dal palco di un convegno di Forza Italia, nella sua Veneto, annuncia la messa in mora di regioni come la Campania e la Calabria che registrano spese – sostiene Sacconi – assolutamente inaccettabili>. Riferendosi in particolare alla situazione calabrese, il ministro della Salute ha aggiunto che <ci sono ospedali con 20 posti letto con tanto di primari>, quando in realtà come il Veneto al servizio di 800 mila abitanti vi sono 5 unità ospedaliere.

Parole, quelle di Sacconi che fanno prefigurare una ferma presa di posizione da parte di Roma che Agazio Loiero, però, sta cercando in tutti i modi di scongiurare. <La Regione sta cercando in tutti i modi di contenere la spesa – ammette il Governatore – e lo sta facendo tanto è vero che le prospettive per il 2008 sono confortanti>.

Sulla questione degli ospedali da 20 posti letto, è ancora Loiero ad annunciare la linea dura contro chi avalla guerre di campanile opponendosi alla chiusura di alcune strutture e che guarda caso, appartiene allo stesso schieramento del ministro Sacconi.

E proprio a difesa dei mini-presidi, come Oppido Mamertina (ospedale per il quale l'asp di Reggio ha decretato la chiusura) scendono in campo esponenti vicini al PDL, come la parlamentare Angela Napoli, il coordinatore oppidese di Forza Italia, Vincenzo Barca e il consigliere regionale e coordinatore calabrese dei Popolari Liberali, Giovanni Nucera. Parlano tutti di <decisione scriteriata che rischia di compromettere il diritto alla salute di circa 80 mila abitanti>.

La mobilitazione.  Intanto, il comitato spontaneo dei cittadini a difesa dell'Ospedale dopo aver affisso manifesti in tutti i centri della Piana, annunciano per Venerdì un sit-in davanti Palazzo Campanella. In quella occasione consegneranno le firme della petizione e proprio nel giorno in cui il Consiglio regionale si riunirà ancora una volta per discutere sul piano sanitario regionale.

Visita: http://www.reggiotv.it

 

Ultimo aggiornamento ( lunedì 10 novembre 2008 )
 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO