Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Friday
Dec 06th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow La discarica sarà aperta solo a queste condizioni
La discarica sarà aperta solo a queste condizioni
mercoledì 12 novembre 2008

di Francesca Gabriele

ImageIl paese di Mangone non è ben collegato a contrada Iachetta. Una strada transitabile esiste ed è quella che da Santo Stefano di Rogliano raggiunge località Cona

e prosegue costeggiando le montagne silane. Una strada molto utilizzata quando nel 1994 si decise di aprire la discarica consortile. La buca ospitò gli Rsu per un solo anno. Poi a causa dell’acqua piovana che si raccoglieva nella enorme vasca il sito divenne inutilizzabile e la discarica fu dismessa. «Ci fu l’intervento del commissario straordinario – racconta il sindaco, Raffaele Pirillo – che mandò dei funzionari a fare un sopralluogo. La strada che collega alla discarica, oggi, ha bisogno di interventi che ne agevolino la transitabilità».

Ci sono stati degli impegni formali con la Regione Calabria? «Niente è stato definito. Prima di tutto reclamiamo delle garanzie da parte della Regione Calabria e della Provincia di Cosenza. La condizione primaria è che la buca che potremmo mettere a disposizione sia utilizzata dai comuni del Savuto che usufruiscono dei servizi della Presila Cosentina». I dubbi dell’amministratore mangonese però sono tanti. In primis «la richiesta inoltrataci di mettere a disposizione una discarica che contenga una quantità che si aggira intorno alle 80 – 90 tonnellate di rifiuti che – sottolinea Pirillo – è sproporzionata per l’uso che dovrebbero farne i paesi gestiti dalla Presila Cosentina. Si presume a questo punto la partecipazione di altri comuni e noi su questo - fa sapere il primo cittadino - non siamo per nulla d’accordo. Ripeto: chiedo delle garanzie: anche per il futuro questa discarica dovrà servire solo temporaneamente ed esclusivamente i paesi della valle del Savuto che fanno parte della Presila Cosentina. Tra le condizioni che poniamo ce ne sono due prioritarie: il mio comune deve essere esonerato dal contributo che paga all’ufficio del Commissario e non deve essere chiamato in causa per alcuna spesa necessaria per la ristrutturazione della strada ». Insomma non è stato ufficializzato nulla. Il discorso è ancora tutto aperto. Le condizioni poste da Raffaele Pirillo saranno prima di ogni cosa verificate in seno al consiglio comunale con i cittadini, poi si deciderà.

                                            

 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO