Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Friday
Dec 06th
Home arrow Notizie arrow Attualitā e Societā arrow Codacons: quando il depuratore non c'č...
Codacons: quando il depuratore non c'č...
sabato 15 novembre 2008
ImageCon sentenza n. 335/2008 la Corte Costituzionale ha dichiarato l' illegittimità costituzionale dell'articolo 14 della legge n. 36 del 1994

nella parte in cui prevede che la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione è dovuta dagli utenti "anche nel caso in cui la fognatura sia sprovvista di impianti centralizzati di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi'. Per effetto di tale sentenza - spiega il Codacons - l'applicazione della "tassa' fognaria e di depurazione, da parte dei quei Comuni che non dispongono di un servizio di depurazione delle acqua reflue, è da considerarsi illecita ed illegittima.
Nasce proprio da questa sentenza una nuova azione legale del Codacons a tutela dei cittadini italiani.
"Tutte le famiglie italiane che hanno pagato bollette per "imposta fognaria' ed "imposta di depurazione' per un servizio in realtà inesistente, possono chiedere indietro quanto versato nel corso degli ultimi 5 anni - spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - Stimiamo che in 5 anni ogni famiglia abbia pagato una media di circa 800 euro per imposte legate ad acqua e fognature; soldi percepiti indebitamente e che ora devono essere restituiti'.
Sul sito dell'associazione (www.codacons.it ) è possibile trovare le istruzioni per aderire al ricorso e chiedere il rimborso di quanto ingiustamente pagato per imposte legate all'acqua negli ultimi 5 anni.

Fonte della notizia:www.codacons.it

 

 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO