Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Monday
Dec 16th
Home arrow Notizie arrow Attualità e Società arrow Perché la religione dei Baha’i?
Perché la religione dei Baha’i?
domenica 04 gennaio 2009

di Antonio Vizza

Image
Il signor Vizza
Si è molto restii a compiere un’indagine personale in campo religioso. Alcuni non lo fanno perché pensano di conoscere già la verità, che identificano con quella ufficiale della chiesa a cui appartengono.

Altri, anche se dotati di elevata cultura, non lo fanno perché non danno importanza alla religione e la considerano un fenomeno inutile nel nostro tempo. Se si guarda al passato è sempre stata l'accettazione cieca delle verità religiose la causa del rigetto delle nuove religioni provenienti da Dio. Cristo è stato rifiutato e messo in croce a causa della supina accettazione delle verità affermate dai dottori della legge ebraica. Ma se avessero compiuto una propria ricerca spirituale avrebbero sicuramente trovato che quel Gesù di Nazareth era l'atteso Messia annunciato da Mosè e dai Profeti. I Baha'i sostengono che poiché le religioni provengono da Dio, è Lui che le rinnova tramite un successivo Messaggio. L'evoluzione della religione può essere considerata simile a una linea parabolica che prima sale, raggiunge il suo punto più alto, poi ridiscende. Al suo nascere i primi seguaci vengono perseguitati, subiscono le più atroci torture sino alla morte. Grazie al loro coraggio e sacrificio la nuova Fede si afferma e si diffonde. Nonostante tutto il nuovo Messaggio divino, raggiungendo il punto più alto della linea, ha permeato la società - è sorta una nuova civiltà. Tutte le civiltà del mondo hanno avuto una forza propulsiva proveniente da un’esperienza religiosa. Interessante notare come uno dei grandi storici moderni l'inglese Arnold Tojnbee - abbia sostenuto questa tesi. Tojnbee, paragonando l'evoluzione dell'umanità a un carro guidato da ruote dice: l'impulso dinamico che muove le ruote è l'energia creativa proveniente dalle grandi esperienze religiose dell'umanità. Un esempio chiaro viene dalle grandi civiltà dell'oriente fiorite in seguito alla venuta del Buddha e di altri Messaggeri. La grande civiltà Islamica portata dal Profeta Maometto che ha fatto si che tribù di beduini ribelli e incivili producessero una civiltà che in ogni campo è stata maestra per l'intera umanità nonché una delle forze che -secondo l'opinione prevalente - ha aiutato l'occidente a emergere dal medioevo.

Con il passare dei secoli, la linea parabolica, che rappresenta la nuova rivelazione divina, discende: i venti delle passioni e degli interessi umani riprendono forza, la religione tende a divenire solo forma, culto, rito. Diverse interpretazioni dei testi sacri fanno sorgere numerose confessioni, ognuna proclamandosi la sola vera erede del Messaggio iniziale. Quando la parabola è alla fine appare il nuovo Messaggero e il ciclo ricomincia.

Per i Baha'il ciclo "Adamico" si è chiuso con il precursore della Fede Baha'i il BAB (la Porta) ed è iniziato con Baha'ù llhà (Gloria di Dio) il cui Messaggio è " La terra è un solo paese e l'umanità i suoi cittadini " Il Verbo di Dio oggi è una lampada la cui luce sono queste parole: Voi siete fiore di uno stesso giardino, foglie di uno stesso ramo, gocce di uno stesso mare, Trattatevi gli uni e gli altri con amore."

 

Per quanti vogliono approfondire sulla Religione Baha'i  consultare il sito  www.Bahai.it

Chiunque volesse rivolgere una domanda al signor Vizza può contattare la nostra redazione scrivendo una mail ai seguenti indirizzi di posta elettronica: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo ; Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

 

 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO