Password dimenticata?
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color

La Voce del Savuto

Saturday
Dec 14th
Home arrow Notizie arrow Cronaca arrow Frana A3/ Il cordoglio di Mario Oliverio
Frana A3/ Il cordoglio di Mario Oliverio
luned́ 26 gennaio 2009

Image“ E’ una tragedia che ha scosso l’Italia tutta  e che la nostra comunità piange, quella accaduta ieri sera sull’A3. Una tragedia ancora più devastante considerate le circostanze che l’hanno determinata.”

Lo ha affermato il Presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, in riferimento a quanto accaduto ieri sera sull’Autostrada SA-RC, nei pressi di Rogliano, dove una frana di vaste dimensioni ha investito un’auto in transito uccidendo due tra le sette persone che viaggiavano al suo interno, ferendone le altre.

Lo stesso presidente Oliverio sin dalle prime ore della mattinata si è recato in alcune zone del territorio provinciale, in più punti colpito pesantemente dal maltempo delle ore passate, mentre incessante è il lavoro delle squadre provinciali all’opera per ripristinare condizioni di viabilità, così come accaduto  del resto anche negli scorsi giorni in situazioni analoghe.

“ Una efficace azione di protezione civile- prosegue Mario Oliverio- dovrebbe essere in grado di fronteggiare situazioni eccezionali e non rimanere nell’ambito di quelle ordinarie.

Sappiamo che  questo territorio è stato reso debole ed esposto da anni di incuria e di abbandono; per questo invochiamo da tempo una azione forte che coinvolga più livelli istituzionali per risanare ferite che stanno presentando conti pesanti .”

“ Lo abbiamo segnalato  in occasione della frana che ha interessato il tratto di Marzi della Ferrovia della Calabria- aggiunge Oliverio- ; ripetuto in riferimento ai danni ingenti provocati dalle piogge di Dicembre; sottolineato quando fu presentato il protocollo stretto con l’IRPI CNR che estende a 14 Comuni il monitoraggio territoriale applicato dai tecnici per la zona di San Martino di Finita. Il livello istituzionale che rappresento sta facendo tutto ciò che è nelle sue possibilità per i suoi cittadini, con uomini e mezzi costantemente impegnati. Tuttavia, riteniamo che non serva più inviare, come fatto, relazioni ai vari Ministeri sulle situazioni critiche unite alla  conta di danni che crescono spaventosamente. Ora non è più il momento di rinviare un approccio organicamente definito e concertato con gli organi preposti dello Stato, cui seguano programmi di intervento massicci,  verso il problema del dissesto idrogeologico che sta divenendo assassino.”

“ Oggi- sente di aggiungere il Presidente Oliverio- è il tempo del dolore e del cordoglio per le vittime, cui va tutta la nostra vicinanza. Ma immediatamente si dovrà avviare quella che non potrà più essere una riflessione ma un vero e proprio progetto per risanare una situazione che, altrimenti, potrebbe presentare ancora un suo terribile conto, anche in termini di perdita assurda di vite umane.”

“ E’ necessario dare priorità, con carattere di urgenza ad un programma di sistemazione idrogeologica del suolo. In tal senso ha ragione Bertolaso ad insistere affinché il Governo assuma provvedimenti adeguati, destinando a tale programma le risorse indispensabili”conclude il Presidente Oliverio che continua a mantenere costanti contatti con la Prefettura e le strutture della Protezione Civile, oltre che con quella della Provincia.

 
 
Benvenuti sul portale de La Voce del Savuto!
 
Entra in Chat                                                         

LA VOCE DEL SAVUTO

IL CALENDARIO DEL SAVUTO