Savuto, quattro sindaci chiedono all'Asp i tamponi per i soggetti in quarantena

Primo Piano
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In una situazione di emergenza Coronavirus, che ha colpito in particolare alcuni comuni del nostro comprensorio, i sindaci dei paesi interessati scrivono all'Asp di Cosenza, Servizio igiene pubblica, per chiedere che vengano eseguiti i tamponi ai soggetti positivi in quarantena da tempo. I primi cittadini in questione sono: Lucia Nicoletti (Santo Stefano di Rogliano, Orazio Berardi (Mangone), Giovanni Altomare (Rogliano), Antonio Basile (Belsito).

«Com’è noto – scrivono i sindaci – il Savuto rappresenta una delle zone della Calabria maggiormente colpite dalla diffusione epidemiologica da Covid-19. Tante sono le persone che nel comprensorio hanno patito la sofferenza fisica e psicologica del contagio. Fra queste, segnaliamo la triste vicenda di cinque nuclei familiari residenti nei nostri comuni che si trovano in quarantena da oltre due mesi. Per tali soggetti – sottolineano gli amministratori – appare quantomai necessario e urgente che il Dipartimento di prevenzione dell'Asp competente sottoponga a tampone i positivi e, soprattutto, comunichi ai soggetti interessati, in tempi rapidi, il relativo esito. Ciò, al fine di consentire ai suddetti nuclei familiari il ritorno a una vita normale».