Altilia / La grotta di S. Francesco tra gli appalti ultimati. Un forte richiamo turistico-religioso per il Savuto

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

ALTILIA – L’esecutivo De Rose prosegue nel completamento delle opere programmate e informa sulla ultimazione delle procedure di appalto per una serie di lavori che comprendono anche la sistemazione della grotta eremitica S. Francesco di Paola con annesso orto posta tra la sede comunale e l’ex convento.
Il finanziamento, relativo a una convenzione firmata con la Regione Calabria per un importo di trecentomila euro, viene destinato alla realizzazione di un varco di entrata in piazza Marsico, un arco in pietra tufacea locale, un impianto elettrico per illuminazione, una rampa in legno con passamano laterale, e per il recupero degli affreschi. Una volta terminati i lavori, la grotta avrà tutte le caratteristiche per diventare un grande attrattore turistico, culturale, e religioso.
Le altre procedure riguardano la sistemazione della pavimentazione in via Piani Maione con cubetti di porfido, primo e secondo lotto per un importo di sessantamila euro, e per la sistemazione idrogeologica zona R3 e messa in sicurezza della viabilità Altilia centro, Maione, zona di campagna. Finanziamenti ottenuti dal ministero degli Interni e Ambiente.
Un modello questo del borgo di Altilia che si è imposto negli anni in virtù della lungimiranza del sindaco Pasqualino De Rose, e che ha come unico obiettivo quello di rendere sempre più a vocazione turistica il piccolo centro collinare.
Piero Carbone, giornalista pubblicista