SANITÀ. DI NATALE: «Pazienti positivi non possono ricoverarsi per mancanza posti letto. Aprite ospedali Covid»

Attualità e Società
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

«Stamattina sono stato contattato da una cittadina paolana, in lacrime. È risultata essere, purtroppo, positiva al Coronavirus, così come la mamma e il papà. Un suo familiare, precisamente la zia, positiva, attualmente è allettata e le sue condizioni di salute sono peggiorate ma, nonostante sarebbe necessario ricorrere alle cure ospedaliere, da ieri non si trovano posti letto per ricoverarla».
È la clamorosa denuncia pubblica del segretario-questore dell'Assemblea regionale, Graziano Di Natale che così prosegue: «Hanno riferito, a questa famiglia, l'impossibilità di ricoverare la zia presso il presidio di Cosenza poiché i posti sono saturi e c’è gente che aspetta in tenda, da giorni, il proprio turno. É qualcosa di aberrante».
Il vicepresidente della commissione regionale contro la ‘Ndrangheta, la cui azione politica centrata sulla tutela del diritto alla salute per i cittadini, nel mostrare concreta vicinanza a questa famiglia, dichiara tutta la propria indignazione. «È l'ennesimo episodio di malasanità servito sulla pelle dei calabresi. Io non ci sto. Sta venendo meno la possibilità di curarci nella nostra terra. I Cittadini già sofferenti, sono finanche costretti a subire simili angherie a causa di un sistema sanitairo al collasso».
L'esponente politico, nel lanciare un accorato appello, propone quanto segue: «Aprite gli ospedali Covid, subito. È un atto necessario. Non possiamo abbandonare i nostri cari al loro destino. Sono pronto - conclude Di Natale - ad ogni azione eclatante. Sulla salute dei Calabresi non concedo a nessuno di giocare. C'e gente che soffre, ci sono operatori sanitari ormai allo stremo delle forze, ma prosegue il rimbalzo delle responsabilità politiche e di soluzioni vagliate nemmeno l'ombra. Adesso basta, la pazienza è ormai finita, da tempo».