Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La Pentecoste, con la Pasqua e il Natale, costituisce una delle feste più importanti del calendario liturgico.
Pentecoste in greco significa letteralmente "cinquantesimo giorno" e fa riferimento ai cinquanta giorni dopo la Pasqua ebraica. Era una festa agricola di ringraziamento a Dio per i doni della terra, che coincideva con l'inizio della mietitura del grano e i primi frutti.
Nella tradizione cristiana si attribuisce a Tertulliano (155-220) apologista, cioè scrittore difensore del Cristianesimo, la prima testimonianza della Pentecoste come festa dello Spirito Santo. Celebra, infatti, la discesa dello Spirito Santo su Maria e gli Apostoli, riuniti insieme nel Cenacolo, dove stettero dieci giorni a pregare, dopo che Gesù fu asceso al cielo. Al mattino del decimo giorno, si sentì un rumore di vento impetuoso che riempì tutta la casa dove si trovavano. E apparvero distinte lingue che sembravano di fuoco, e se ne posò una su ciascuno di loro: tutti furono ripieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare varie lingue.
Pietro tenne un discorso e convertì tremila persone, che furono subito battezzate, Nello stesso giorno e nei giorni seguenti Pietro e gli altri Apostoli continuarono a predicare con grande ardore la dottrina di Gesù e Dio confermava con i miracoli la loro predicazione.
Lo Spirito Santo aveva trasformato gli Apostoli: prima erano timidi e paurosi; dopo la discesa dello Spirito Santo, furono ripieni di sapienza, di fervore e di coraggio.
Predicarono ovunque Gesù e lo difesero davanti ai giudici e al popolo. Sopportarono persecuzioni e sofferenze d'ogni genere e, alla fine, coronarono la loro vita col martirio, sopportato per amore di Gesù. Così il Vangelo fu annunciato in tutto il mondo.
La festa di Pentecoste è celebrata non solo dalla Chiesa cattolica, ma anche da quella ortodossa e dalle chiese protestanti. 

Giuseppe Pizzuti, docente

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

L’amministrazione comunale informa che è stato riscontrato un nuovo caso di positività Covid, definito di “debole entità”, su un cittadino di Rogliano.
L'intero nucleo familiare, è stato posto in quarantena obbligatoria.
Il Sindaco, ricevute le comunicazioni ufficiali dell’Asp sull’esito del tampone al quale il soggetto è stato sottoposto, ha subito provveduto ad emettere ordinanza di “misure restrittive di quarantena obbligatoria con sorveglianza sanitaria attiva” per l’intero nucleo familiare.
Inoltre, ha sollecitato il tracciamento di eventuali contatti del soggetto con parenti e conoscenti.
Ha, quindi, diffuso la seguente dichiarazione: «La situazione è sotto il più assoluto controllo. Non c’è motivo alcuno per farsi prendere da apprensioni. Tuttavia, ancora una volta, ribadisco la massima prudenza continuando ad osservare tutte le prescrizioni del caso. Mascherine e distanziamento individuale devono essere indicazioni di sicurezza che ciascuno di noi deve seguire con il massimo scrupolo. Nessuno di noi abbassi la guardia”. Si rinnova l'avviso per tutti coloro che intendono fare ritorno nel Comune di Rogliano da altre Regioni Italiane o da stati esteri che, oltre all'obbligo di registrazione sulla piattaforma regionale www.rcovid19.it come da ordinanza del Presidente della Regione n. 49 del 3/6/2020, si consiglia di comunicare il proprio rientro al Comune telefonicamente ai numeri
0984/961001(centralino/PM)
3396388151 (Sindaco)
al fine di consentire la trasmissione dei dati all’asp di Rogliano e per, eventualmente, effettuare il tampone a scopo meramente preventivo e a tutela della salute».

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

APRIGLIANO – L’amministrazione comunale sempre più vicina agli studenti ai quali non fa mai mancare il proprio sostegno. I giovani apriglianesi che hanno conseguito il diploma di licenza media sono stati ricevuti presso la casa comunale dal sindaco Alessandro Porco. «Ogni traguardo raggiunto - ha detto il primo cittadino - è il nastro di partenza per un altro obiettivo da perseguire. Vi accogliamo per darvi il commiato dai banchi di scuola finora frequentati con profitto, e nell’occasione vi facciamo conoscere le funzioni amministrative affinché consideriate questo luogo un esempio di trasparenza al servizio della comunità».
Gli studenti, soddisfatti per l’attenzione riservata loro dall’amministrazione comunale, sono rimasti piacevolmente sorpresi per i doni ricevuti. «Sono, - ha detto il sindaco - alcuni capisaldi della nostra vita sociale, culturale e spirituale, perché ne facciate tesoro per il prosieguo della vostra vita professionale e relazionale: copia della Costituzione dove sono sanciti i principi del nostro Stato democratico e repubblicano; copia del libro “Cuore” di De Amicis per una riflessione sui valori di solidarietà e amicizia; l'immagine di San Rocco, patrono del nostro paese quale simbolo religioso che vi illumini nel cammino; il gagliardetto di Aprigliano, perché vi sentiate appartenenti sempre, qualunque sia il percorso, a questa nostra comunità».
Piero Carbone, giornalista pubblicista

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

BELSITO – E’ presente in piazza, mentre scriviamo, davanti alla ex sede comunale, il camper di una cooperativa onlus autorizzata dalle competenti autorità sanitarie, per effettuare su base volontaria il test sierologico rapido per Covid19. L’iniziativa, voluta dall’amministrazione comunale, si inserisce nelle operazioni antiCovid in corso anche in altri Comuni del Savuto. Sono già diversi i cittadini belsitesi in fila per effettuare il test.
Le giornate di screening con test sierologici, si sono già tenute a Rogliano, il cui sindaco ha poi provveduto a comunicare i risultati: «Su un totale di 283 test sierologici, sono risultati positivi all’IgG, dieci soggetti, i quali però non avevano avvertito alcun sintomo, e successivamente erano guariti generando anticorpi».
Anche nell’altro Comune ex zona rossa, S. Stefano di Rogliano, stesso iter e comunicazione del sindaco Lucia Nicoletti: «122 persone si sono sottoposte volontariamente al test con tre aventi carica di anticorpi altissima, e il resto negativi».
A Parenti, nell’Alto Savuto, su 192 persone solo per uno dei test è stato necessario effettuare il tampone per ulteriore verifica. L’invito alla cittadinanza del sindaco Donatella Deposito, così come è stato rivolto dagli altri colleghi sopracitati ai propri amministrati, è stato quello di mantenere alta l’attenzione continuando a rispettare le disposizioni antiCovid.
Piero Carbone, giornalista pubblicista

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Numerose sono le operazioni da svolgere tra giugno e agosto, da alcune piante vanno raccolti i frutti mentre in altre è necessario attendere a settembre. Ma oltre alla raccolta, possono essere svolte altre operazioni colturali.

Lavori estivi nel frutteto: potatura verde
Questo tipo di potatura si conduce in estate ed è indicata per il pesco, l'albicocco e il ciliegio, per i quali è preferibile alla potatura invernale, e va eseguita subito dopo la raccolta dei frutti. Su meli e peri si esegue solo se la pianta è su portainnesto franco, la cui vigoria porta a privilegiare lo sviluppo vegetativo a scapito di quello produttivo, per cui entrano in produzione più tardi rispetto a quelli poco o mediamente vigorosi.
La potatura verde consiste nell'accorciare i rami troppo sviluppati, nell'eliminare i polloni, i getti concorrenti con quelli destinati a formare la struttura principale oppure in sovrannumero o mal posizionati, i rami cresciuti verso l'interno, e tutti quei rami, rametti e gemme che non servono per la formazione della chioma o la produzione dei frutti l'anno successivo.

Lavori estivi nel frutteto: diradamento
Il diradamento dei frutti fa parte delle operazioni di potatura estiva raccomandata soprattutto per le piante da frutto che producono una grande quantità di piccoli frutti, che però sono di scarsa qualità e più soggetti alle malattie.
Il diradamento va effettuato entro 30-40 giorni dalla fioritura, per evitare che la pianta perda troppe energie nel portare avanti tutti i frutticini. Per capire quanti frutti togliere a mano (tagliando con le forbici il picciolo dei frutti), bisogna considerare l'età e la vigoria della pianta.

Lavori estivi nel frutteto: parassiti
Mentre la lotta alle malattie fungine viene effettuata prevalentemente in forma preventiva, durante l'autunno-inverno e in primavera dopo la fioritura, il controllo delle infestazioni di parassiti non conosce soste e spesso in estate occorre intervenire per bloccare l'attacco di insetti.
Il principio attivo estratto dal fiore del piretro è attivo nei confronti di afidi, mosche dei frutti, cimici, tignole, psille; la mosca dell'olivo si combatte con un principio attivo noto come spinosad, contenuto in esche che attirano anche altri tipi di mosche degli ortaggi. Una efficace protezione degli alberi da frutto è offerta dal Bacillus thuringiensis nei confronti dei lepidotteri (anarsia, cydia, bruchi vari).

Lavori estivi nel frutteto: concimazione
Le piante da frutto adulte richiedono nutrimento in primavera e a fine autunno, ma quelle più giovani, quelle in vaso e in genere tutte le piante che presentano debolezza a fronte di una copiosa produzione di frutti devono essere nutrite con un preparato idoneo, meglio se di tipo organico.
Da evitare la distribuzione di concime se fa caldo dato che esse entrano in una fase di riposo in cui l'assorbimento è modesto, e in ogni caso non concimate piante il cui terreno sia troppo asciutto.

Lavori estivi nel frutteto: irrigazione
Tutti gli alberi adulti hanno poco bisogno di acqua in estate: se piove troppo o se le irrigazioni sono eccessive si assiste a un vigoroso sviluppo delle foglie a scapito dei frutti che rimangono più piccoli e acquosi.
Ma se il terreno rimane del tutto senza acqua per settimane, subentra uno stato di sofferenza. Occorre quindi essere attenti e somministrare acqua non spesso ma in grande quantità, con la sola eccezione degli alberi molto giovani, piantati da poco, che avranno bisogno di molte irrigazioni per attecchire e radicare bene.

Lavori estivi nel frutteto: raccolta
E finalmente arriva il momento di raccogliere. Molti alberi da frutto hanno una produzione graduale: ciò significa che per settimane potrete staccare i frutti maturi al punto giusto.
Per raccogliere, tenete sempre a portata di mano una scala stabile e robusta (se vi è possibile utilizzatela sempre quando siete con qualcuno che può controllare da terra la situazione e sostenere la scala se il terreno è instabile).
Un pratico cestino e un raccoglifrutta su manico telescopico vi saranno utilissimi per staccare e portare in tavola il risultato del vostro lavoro, assaporandone la genuinità.
(di L. Lombroso)

In collaborazione con "Giardinaggio - @PassioneinVerde"
https://passioneinverde.edagricole.it 

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

BELSITO - Procede nel migliore dei modi il dopo emergenza Covid nel centro collinare del Savuto. Dopo i contagi registratisi e l’avvenuto azzeramento degli stessi, l’amministrazione Basile continua ad operare per mantenere in sicurezza la cittadinanza. All’incontro, tenutosi con i giovani e i genitori per ricordare le regole di distanziamento sociale, ha fatto seguito ieri mattina lo screening volontario in piazza ad opera di una cooperativa onlus.
«Nessuna positività al Covid19 su settanta persone che hanno fatto richiesta di sottoporsi al test sierologico rapido. Dallo screening solo quattro tamponi sono risultati positivi all’IgG, ma i soggetti colpiti si sono col tempo immunizzati, e provengono da fuori Belsito. Un sentito ringraziamento va all’associazione che si è occupata di fornire la prestazione». Questo è quanto ha dichiarato il consigliere comunale Elvira Cozza, che è medico di professione, e che ha assistito allo svolgimento delle operazioni del laboratorio mobile.
I componenti dell’esecutivo ed anche i dipendenti - compreso il vigile urbano - si sono sottoposti al test con responso negativo. Più che soddisfatto il sindaco Antonio Basile, per il quale la comunità belsitese si è dimostrata molto attenta alla problematica coronavirus, dimostrando un alto senso civico.
Piero Carbone, giornalista pubblicista

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Una eccellenza regionale che con il trasferimento a Cosenza rischia la chiusura. Si tratta dell’Unità di ricerca biotecnologica con sede nei pressi di Aprigliano, che per una decisione dei commissari alla Sanità vede anni di sacrifici, di impegni, svanire nel nulla. Una posizione quella assunta dal management sanitario che ha lasciato di stucco l’Ail Cosenza e i vertici nazionali. Una battaglia per mantenere il presidio che ha visto scendere in campo anche il presidente nazionale Ail, professor Sergio Amadori, presente alla conferenza stampa, al fianco dell’avvocato Ornella Nucci, presidente Ail di Cosenza, e al dottor Fortunato Morabito, direttore scientifico Urb.
Ornella Nucci è entrata subito nel merito della questione: «La nostra non è una battaglia personale, - ha esordito - perché la nostra missione è quella di tenere sempre alta la tutela dei pazienti affetti da tumore del sangue. Oggi ci sono delle assenze che si notano di più di tante presenze: ci sarebbe piaciuto poter confrontarci con i vertici dell’azienda ospedaliera per poter spiegare cosa è questo laboratorio, che forse non sanno neanche dove si trovi. La decisione addotta per il trasferimento rientrerebbe - ha proseguito Ornella Nucci - da una politica di razionalizzazione dei costi, ma si sta avendo l’effetto contrario, avendo già determinato un aumento delle spese per l’Azienda ospedaliera, per personale, apparecchiature, certificazioni e richieste ad altri laboratori. Ma soprattutto una scelta destinata a mettere a repentaglio la salute dei tanti pazienti in cura presso l’Ematologia di Cosenza. Intanto sulla decisione di trasferire l’Urb è stato prodotto ricorso al Tar».
Nucci, ha poi spiegato con l’ausilio di immagini, quello che sarebbe stato il laboratorio del futuro e che comunque auspica possa essere ancora il Polo Oncoematologico Mariano Santo. La vicinanza alla sezione cosentina dell’Ail è stata quindi espressa dal professor Amadori. «Ail nazionale - ha dichiarato - è tutta schierata con Cosenza: bisogna aprire la mente a chi oggi ha la mente offuscata. Perché chi ci va di mezzo sono i pazienti e i familiari, i quali però sono molto attenti e informati. Per cui sanno che in questo centro si attua una diagnosi di precisione. L’Urb di Aprigliano limita in misura rilevante il grave fenomeno della migrazione sanitaria. Quindi mi auguro che il tutto si concluda in una bolla di sapone».
Ha concluso il dottor Morabito, già primario dell’Uoc di Ematologia dell’Annunziata. «Non riesco a capire, - ha detto - come un management così illuminato abbia un approccio, un’applicazione così sbagliata. Si sta mortificando il nostro lavoro, anni di sacrifici. Ci si confrontasse, ci dicessero il perché di questo trasferimento».
Tante le reazioni successive alla conferenza stampa, quella del presidente di Forza Italia Piano Lago-Savuto, Gaetano Greco, che si è detto preoccupato anche perché il trasferimento dell’Urb potrebbe essere l’inizio di una chiusura totale anche del centro prelievi dell’Asp.
Piero Carbone, giornalista pubblicista

Altri articoli...

Sottocategorie