ROGLIANO - A conclusione di una settimana fitta di decisioni condita dalla Lega Nazionale Dilettanti (LND) e dal Comitato Regionale della Calabria, si ritorna a parlare di calcio per le squadre di Rogliano, la Asd Nuova Rogliano 2016 e la Asd Atletico Rogliano 2018.
I due club cittadini, nella prossima stagione 2020-2021, parteciperanno negli stessi campionati di quest'anno. Infatti, recependo le indicazioni della Lega Nazionale Dilettanti, il Comitato Regionale della Calabria ha deliberato le promozioni delle prime in tutti i campionati e il blocco delle retrocessioni dalla Promozione in giù. Al momento dello stop dei campionati, la Nuova Rogliano 2016 occupava, in Promozione, il 10. posto (centro classifica) con 27 punti dopo 24 giornate. L'Atletico Rogliano 2018, in Seconda Categoria, lottava per iplayoff (6. posto con 18 punti dopo 15 giornate).
Ricordiamo che lo stop, a tutela delle società e dei tesserati alla luce della strategia di contenimento della diffusione dell'epidemia di Coronavirus sull'intero territorio nazionale, era stato deciso dalla LND il 6 marzo. Poi la Federazione Italiana Gioco Calcio (FIGC) aveva deliberato lo stop definitivo di tutta l'attività dilettantistica il 20 maggio.
Le decisioni sul blocco delle retrocessioni dalla Promozione alla Seconda Categoria, lasciate all'autonomia dei singoli Comitati Regionali, dovranno poi essere ratificate in occasione del prossimo Consiglio Federale della FIGC.
La Nuova Rogliano 2016 ha avuto innumerevoli difficoltà, soprattutto in campo economico, verso la metà della stagione, quindi il suo futuro rimane un po' incerto. Speriamo che si risolva tutto positivamente per la città e il pubblico, che, al "Cosimo Zumpano", ha fatto sempre registrare numeri straordinari. E soprattutto per il gruppo Ultras "Indomabili Rogliano", che ha seguito sempre la squadra in tutte le trasferte sul territorio regionale, per la semplice passione di vedere giocare la squadra.
Per quanto riguardala stagione 2020-2021, la scadenza delle iscrizioni di Promozione saranno prorogate a fine luglio, mentre per la Seconda Categoria slitterà a settembre. 

Giuseppe Pizzuti, docente

Il club rossoblù chiede la riaperura al pubblico dello stadio San Vito-Marulla. Una riapertura parziale, nel rispetto delle norme di sicurezza dettate dall'attuale emergenza, in linea con le graduali disposizioni già disposti per altre manifestazioni pubbliche
Riportiamo la nota integrale del club cosentino.
«La società Cosenza Calcio ha richiesto di consentire l’accesso al pubblico allo Stadio “San Vito – Gigi Marulla” per le rimanenti gare casalinghe del Campionato di Serie B. L’impianto cosentino, dotato di una capienza di 22.500 posti e di ampi spazi a disposizione, permetterebbe di ospitare i propri sostenitori garantendo il distanziamento interpersonale richiesto dalle normative anti Covid19.
L’accesso in sicurezza allo stadio “San Vito – Gigi Marulla” sarebbe, d’altro canto, in linea con la graduale riapertura già disposta dalle autorità nazionali per altre manifestazioni pubbliche, come spettacoli, concerti, eventi teatrali e proiezioni cinematografiche. La richiesta inoltrata dalla società Cosenza Calcio è, infatti, finalizzata a restituire alla tifoseria rossoblù e a tutti gli appassionati sportivi momenti di sana e attesa condivisione, nel rigoroso rispetto delle normative vigenti e con le necessarie prescrizioni a tutela della salute pubblica.
Siamo convinti che dallo stadio “San Vito – Gigi Marulla” – uno degli impianti più capienti d’Italia – e della Calabria – regione che ha fatto registrare finora un basso numero di contagi – possa ripartire in totale sicurezza quel rapporto prezioso che lega ogni squadra al suo pubblico.
Restituire vitalità ai nostri spalti con il dovuto senso di responsabilità e con le necessarie prescrizioni è una sfida che siamo disposti a raccogliere insieme all’intera e sempre matura comunità rossoblù». 

Foto profilo facebook del "Cosenza calcio"

Il presidente del Cosenza calcio, Eugenio Guarascio, accoglie positivamente la decisione della Lega di far ripartire il campionato di serie B. «L’idea di una ripresa era nell’aria, ci sembra una decisione più che appropriata - ha dichiarato - ».
In vista dei prossimi impegni, Guarasci ha tenuto a precisare: « Abbiamo iniziato coi tamponi, sono tutti negativi così come i sierologici. Il nostro stadio è abbastanza ampio per permettere tutto ciò che il protocollo ritiene necessario».

La maggior parte delle squadre della Valle del Savuto militano nella Terza Categoria ed in particolare nel Girone E. Il campionato è stato fermato alla 14 giornata per il lockdown voluto dal governo in seguito alla pandemia di coronavirus. Andiamo a vedere insieme a che punto siamo rimasti.
In questo girone la Nuova Indomita Colosimi ha un solo punto in meno della Nuova Aiello, capolista a quota 35 punti, e sono proprio questi due club che si contenderanno la promozione diretta in Seconda Categoria, qualora il torneo riprendesse. Al terzo posto, appaiate a 26 punti, lo Scigliano e l'Audace Decollatura, insieme al Cleto, quinto a 20, punti si giocheranno i playoff per salire di categoria. Nel girone E c'è anche il Martirano Lombardo a quota 9 punti e a +3 sull'ultima in classifica, Fronti.
In seconda categoria, girone B, troviamo l'Atletico Rogliano 2018 che in 15 giornate ha raccolto 18 punti e si trova a soli 4 punti dai playoff.
Nel girone A della Promozione calabrese troviamo la Nuova Rogliano 2016 e la storica squadra di Soveria Mannelli, la Garibaldina. Quest'ultimo club si trova al sesto posto a 33 punti e a soli 4 punti dall'Amantea, quinto, quindi dalla zona playoff. La Nuova Rogliano 2016 invece è a 27 punti e ha un solo punto di vantaggio sulla zona playout.

 

 

 

 

Digita un messaggio...

 


11:36

 

Notizie

Premium Sabatum (2)

Visitatori (2)

316935
OggiOggi74
IeriIeri468
Questa SettimanaQuesta Settimana542
Questo MeseQuesto Mese10117
TotaliTotali316935
Highest 11-12-2021 : 1064
3.238.180.255
US
UNITED STATES
US

Photo Gallery (2)