di Andrea Militello

Riporto un interessante studio che dimostra le capacità terapeutiche “antiage” del Testosterone.
La sostituzione del testosterone per 3 anni è stata associata a miglioramenti della potenza muscolare, del potere di salire le scale senza carico e di carico e della massa magra.
Sebbene questi risultati siano promettenti, l'entità del cambiamento nelle misure di prestazione muscolare, funzione fisica e massa magra in questo studio era piccola e la significatività clinica di questi cambiamenti rimane poco chiara.
L'invecchiamento è associato a una perdita preferenziale di unità motorie di tipo II e alla conseguente perdita del tasso di sviluppo della forza (cioè potenza).
Gli uomini nel gruppo trattato con testosterone hanno aumentato significativamente la potenza degli arti inferiori e superiori rispetto agli uomini che hanno ricevuto placebo.
Inoltre, i cambiamenti nel potere delle gambe e del torace erano significativamente associati ai cambiamenti nel potere di salire le scale, rafforzando il ruolo del potere muscolare nell'esecuzione delle attività funzionali.
L'affaticabilità muscolare, valutata in base al numero di ripetizioni a insufficienza all'80% della forza toracica al basale e alla pressione delle gambe (1-RM) non è cambiata in nessuno dei due gruppi.
I cambiamenti nella forza delle gambe non differivano tra i gruppi di intervento anche se la forza degli arti superiori migliorava significativamente di più negli uomini trattati con testosterone.
È possibile che il testosterone abbia un ruolo nell'attenuare il declino legato all'età in queste misure.
È stato segnalato l'effetto del testosterone sull'attenuazione del declino della capacità aerobica correlato all’età.
Pertanto, la supplementazione con testosterone nell’uomo ipogonadico sembra migliorare le prestazioni muscolari e la funzione fisica che possono essere associati a miglioramenti importanti per il paziente nei risultati distali sulla salute, come la capacità di intraprendere attività di vita quotidiana, la riduzione delle cadute o disabilità.

 

Il paziente affetto da adenoma della prostata vede talvolta come unica soluzione terapeutica l’intervento chirurgico.
Uno degli effetti indesiderati di tale intervento è la retro eiaculazione legata all’eliminazione dello sfintere interno.
Ma negli ultimi tempi due interventi mininvasivi della durata di pochi minuti che utilizzano il potere del getto dell’acqua (AquaBeam) e del vapore (Rezum) stanno aprendo un panorama sino a poco fa inimmaginabile.
L'acquablazione che utilizza il sistema AquaBeam combina la guida dell'immagine in tempo reale e la robotica per consentire la rimozione precisa e priva di calore del tessuto prostatico con un getto d'acqua ad alta velocità.
Lo scopo di un recente studio è stato quello di riportare i risultati dell'acquablazione fino a 1 anno in un unico centro nel Regno Unito che utilizza un approccio atermico all'emostasi.
Metodi: Cinquantacinque uomini sono stati sottoposti ad acquablazione tra settembre 2017 e dicembre 2018 (come parte dello studio OPEN WATER).
L'acquablazione standard è stata eseguita con il sistema AquaBeam (PROCEPT® BioRobotics) con 2 passaggi di Aquablation seguiti da washout vescicale con applicazione di irrigazione vescicale continua tramite catetere su un dispositivo di trazione continua.
I pazienti sono stati seguiti a 3 e 12 mesi.
I dati sono stati raccolti in modo prospettico su dati demografici dei pazienti, uroflussometria, volume della prostata, International Prostate Symptom Score (IPSS), Male Sexual Health Questionnaire for Ejaculatory Dysfunction (MSHQ-EjD) e International Index of Erectile Function (IIEF-15).

Risultati: l'età media era di 64,1 ± 7,9 anni. Il tempo di funzionamento è stato di 26,9 ± 9,2 min. Il volume medio della prostata è diminuito da 58,2 ± 23,9 cc a 33,2 ± 12,9 cc (p <0,0001). Ci sono stati miglioramenti significativi al follow-up di 12 mesi nella velocità di flusso urinario massimo (9,9 ± 5,1 ml / s vs 23,9 ± 11,6 ml / s), IPSS (21,7 ± 7,4 vs 6,1 ± 4,2) e punteggio della qualità della vita (4,8 ± 1,1 contro 1,4 ± 1,4) (p <0,0001). Non è stato riscontrato alcun cambiamento significativo nei punteggi IIEF-15 e MSHQ-EjD. C'erano 8 (14,5%) complicanze di Clavien di grado 2 o superiore.

Conclusione: l’esperienza in un unico centro suggerisce che l'acquablazione utilizzando un approccio completamente atermico è una procedura di cavitazione sicura con conseguente miglioramento significativo della LUTS paragonabile alle procedure di cavitazione standard con una maggiore conservazione della funzione sessuale.  

___________________________

Il dottor Andrea Militello
visita una volta al mese in Calabria:
Cosenza e Acri
Per info: 339 1408270

 

 

Ci sono due forme di azoospermia, ossia assenza di spermatozoi nel liquido seminale. La azoospermia secretiva dove gli spermatozoi non vengono affatto prodotti dal testicolo e la azoospermia ostruttiva dove gli spermatozoi vengono prodotti ma trovano “ostacolo” lungo il loro percorso.
Nella forma ostruttiva si può tentare il recupero con tecniche mininvasive, nelle secretive chiaramente la possibilità di recupero è molto minore.
Ma la scienza sta studiando nuovi marcatori predittivi.
L'azoospermia non ostruttiva (NOA), identificata in circa il 10% dei maschi infertili, è una malattia multifattoriale i cui meccanismi molecolari rimangono sconosciuti.
Lo scopo di un recente studio), era identificare il ruolo di hsa_circ_0000116 in NOA e illustrare il suo valore predittivo nel recupero dello sperma testicolare.
Lo studio ha incluso 78 individui, 58 con azoospermia non ostruttiva e 20 con azoospermia ostruttiva (OA).
Sono stati misurati ormoni sierici tra cui testosterone (T), ormone follicolo-stimolante (FSH), ormone luteinizzante (LH), prolattina (PRL) ed estradiolo II (E2).
L'istopatologia testicolare è stata analizzata da almeno due patologi.
L'espressione di hsa_circ_0000116 nei campioni di tessuto testicolare è stata rilevata mediante PCR in tempo reale e le reti circRNA-miRNA-mRNA sono state previste mediante analisi bioinformatica.
Lo studio ha dimostrato che l'espressione di hsa_circ_0000116 era significativamente più elevata nei campioni di tessuti testicolari di pazienti NOA rispetto a quelli dei pazienti OA.
Inoltre, hsa_circ_0000116 è stato espresso in modo aberrante in tre diversi tipi patologici di NOA: è stato significativamente up-regolato nei pazienti con sindrome di sola cellula di Sertoli (SCOS) rispetto ai pazienti con ipospermatogenesi (HS).
Inoltre, l'espressione di hsa_circ_0000116 era negativamente correlata con il punteggio di Johnsen, mentre era positivamente correlata con il livello sierico di FSH.
Un modello di regressione logistica multivariata ha dimostrato che un alto livello di hsa_circ_0000116 era associato a un basso tasso di recupero dello spermatozoo testicolare con successo.
Si può quindi dedurre che hsa_circ_0000116 può svolgere un ruolo chiave nella regolazione della spermatogenesi e può anche essere un potenziale biomarcatore per la diagnosi e il trattamento delle azoospermie secretive (nonostruttive), mentre agisce come uno strumento predittivo per il tasso di successo del recupero dello spermatozoo testicolare nei pazienti NOA.

_____________________________

Il dottor Andrea Militello
visita una volta al mese in Calabria:
Cosenza e Acri
Per info: 339 1408270

 

Per molto tempo il testosterone è stato visto come ormone e molecola nemica del sistema cardiovascolare.
Negli ultimi tempi invece il testosterone ha assunto sempre più un ruolo importante nel mantenimento del benessere psicofisico dell'uomo che invecchia, ma anche nella regolazione del sistema cardiovascolare.
Un interessante lavoro eseguito in America su un nutrito gruppo di vigili del fuoco ha esaminato la correlazione fra malattia cardiache e bassi livelli di testosterone endogeno, ossia quello prodotto dalle nostre ghiandole.
Lo studio è stato eseguito su 341 vigili del fuoco con un'età compresa fra i 37 e i 50 anni che sono stati sottoposti a uno screening medico. I valori di testosterone sono stati classificati in:

- Bassi quando inferiore a 265 ng/dl
- Borderline tra i 265 e 399 ng/dl
- Normali Tra 400 e 916 ng/dl

i risultati finali dello studio portato ad esempio, hanno evidenziato la possibile relazione fra una lieve riduzione di testosterone e problematiche cardiovascolari.
Questo studio tende quindi a evidenziare quanto una presenza fisiologica di testosterone sia importante anche per il benessere cardiovascolare .
Prendendo come valori di riferimento I 400 nanogrammi millilitro, valore al di sotto del quale il testosterone può essere considerato basso e quindi autorizzando l’ andrologo curante di proporre quando necessario una terapia ormonale sostitutiva.

_______________________________

Il dottor Andrea Militello
visita una volta al mese in Calabria:
Cosenza e Acri
Per info: 339 1408270

Riporto un importante articolo rivolto alla patologia del pene curvo conosciuta anche con il nome di morbo di La Peyronie o induratio penis plastica

Risultati a lungo termine dopo incisione della placca e innesto per la malattia di Peyronie: confronto tra innesti dermici suini e pericardio bovino
La incisione della placca e successivo innesto (PEG) è uno dei pilastri della terapia chirurgica per la grave curvatura del pene nella malattia di Peyronie (PD).
Sono disponibili diversi tipi di innesti per coprire i difetti della tunica albuginea durante PEG, sia allotrapianti che xenotrapianti. Tuttavia, fino ad oggi nessuno di questi si è rivelato superiore agli altri.
Lo studio che riportiamo è stato condotto per confrontare due diversi tipi di xenotrapianto, matrice dermica suina e matrice di pericardio bovino in PEG per PD.
Dal 2010 al 2019, 63 pazienti con PD sono stati sottoposti a PEG, utilizzando innesti dermici suini (n = 25; Gruppo 1) e di pericardio bovino (n = 38; Gruppo 2).
I risultati a lungo termine sono stati valutati attraverso la somministrazione di questionari multidisciplinari tramite intervista telefonica.
Sono stati considerati i seguenti elementi: correzione della flessione del pene, qualità dell'erezione, capacità di rapporti sessuali, accorciamento del pene e sensibilità.
Sono stati anche studiati la soddisfazione generale e l'impatto della chirurgia sull'attività sessuale e sulla qualità della vita.
La dimensione mediana della placca (IQR) era di 29 (22-33) mm ed era più piccola nel Gruppo 1 (27,5 contro 31 mm; p = 0,03). I dati completi di follow-up erano disponibili per 53 pazienti (84%).
Considerando gli esiti postoperatori, non sono state trovate differenze quando si considerano i tassi di ED, l'accorciamento del pene, la sensibilità, le complicazioni e l'irrigidimento del pene (tutti p> 0,1).
I pazienti del gruppo 2 avevano più probabilità di avere noduli penieni palpabili al follow-up (20,6 vs 0%; p = 0,03).
Tuttavia, la soddisfazione della vita sessuale post-operatoria del paziente era coerente tra i due gruppi, con solo 1 (5,3) e 8 (23,5) pazienti nel Gruppo 1 e 2 rispettivamente che riferivano un peggioramento della soddisfazione della vita sessuale (p = 0,2).
Al follow-up, l'84,9% dei pazienti che sarebbero ancora sottoposti a intervento chirurgico per PD, senza differenze statistiche tra i due gruppi (p = 0,4)
La corporoplastica con PEG è un trattamento efficace per gli uomini con Morbo di la Peyronie.
Gli xenotrapianti di pericardio cutaneo suino e bovino sembrano avere esiti simili a lungo termine.

_______________________________

Il dottor Andrea Militello
visita una volta al mese in Calabria:
Cosenza e Acri
Per info: 339 1408270

Un nuovo studio tutto italiano è stato effettuato per valutare gli esiti perioperatori intermedi, il tasso di complicanze e i dati funzionali dopo la vaporizzazione laser fotoselettiva (PVP) XPS 180-W Greenlight rispetto alla resezione transuretrale della prostata (TURP) in uno studio prospettico non randomizzato monocentrico.
I colleghi analizzato un database gestito in modo prospettico che raccoglie dati su 100 pazienti sottoposti a trattamento chirurgico per BPH (50 PVP consecutive e 50 TURP consecutive).
Sono state confrontate tutte le complicanze, registrate e graduate secondo il sistema Clavien Dindo e le variabili cliniche, operative, perioperatorie.
Gli esiti funzionali, l'International Prostate Symptom Score (IPSS), la velocità di flusso massima (Qmax) e l'antigene prostatico specifico (PSA), sono stati registrati prima dell'intervento ea 1 anno di follow-up.
Risultati: età, volume della prostata, uso di anticoagulanti o antipiastrinici, punteggio ASA e tempo operatorio erano comparabili nei due gruppi.
La riduzione dei livelli di emoglobina (0,46 vs 1,8 g / dL), il tempo di cateterizzazione (1,2 vs 3,2 giorni), la degenza ospedaliera (1,7 vs 3,8 giorni) e il tasso di pazienti trasfusi (0 vs 8%), erano significativamente inferiori per PVP.
La ricateterizzazione transitoria (6 vs 26%) era significativamente inferiore per PVP.
L'IPSS e il Qmax a 1 anno non hanno mostrato differenze significative.
Il tasso di ripetizione TURP / PVP era più alto nel gruppo TURP (0 vs 10%).
La riduzione del PSA, che riflette la maggiore riduzione del volume della prostata, era statisticamente maggiore nel gruppo PVP rispetto al gruppo TURP (p = 0,001).
Conclusioni: la vaporizzazione laser fotoselettiva (PVP) presenta vantaggi in termini di sicurezza perioperatoria e complicanze maggiori rispetto alla TURP. I risultati funzionali a 1 anno di follow-up erano comparabili.

__________________________________

Il dottor Andrea Militello
visita una volta al mese in Calabria: Cosenza e Acri
Per info: 339 1408270

Nell'ultimo dicembre 2019, a Wuhan, Repubblica Popolare Cinese, si è verificato un nuovo focolaio di coronavirus (SARS ‐ CoV ‐ 2).
È un virus altamente contagioso che ha minacciato la salute umana in tutto il mondo.
L'infezione da SARS ‐ CoV ‐ 2, denominata COVID ‐ 19, causa lesioni polmonari in rapido sviluppo che possono portare a insufficienza multiorgano in un breve periodo.
Ogni volta che emerge un nuovo virus, è necessario eseguire valutazioni del rischio riproduttivo dopo l'infezione.
In questa recensione, gli autori hanno dimostrato che la fertilità maschile potrebbe essere danneggiata dal coronavirus associato a (i) effetti citopatici diretti derivati dalla replicazione virale e dalla diffusione virale nel testicolo; e (ii) danno indiretto alla fertilità maschile derivato dall'immunopatologia.
Gli autori hanno descritto brevemente la ridotta fertilità di esseri umani e animali infettati da coronavirus per dedurre l'impatto del nuovo coronavirus sulla fertilità maschile.

______________________________________________

Il dottor Andrea Militello
visita una volta al mese in Calabria: Cosenza e Acri
Per info: 339 1408270

Notizie

Premium Sabatum (2)

Visitatori (2)

124741
OggiOggi220
IeriIeri666
Questa SettimanaQuesta Settimana3938
Questo MeseQuesto Mese8251
TotaliTotali124741
Highest 03-21-2021 : 1327
3.236.118.7
US
UNITED STATES
US

Photo Gallery (2)