Un ricordo di Giacomo Mancini dedicato a Gianni Di Marzio.

"Nella notte se ne è andato Gianni Di Marzio. Allenatore, dirigente, commentatore. 

Il suo nome è indissolubilmente legato alla storia di Cosenza e del Cosenza. Fu il protagonista della storica promozione in serie B dei Lupi della stagione 1987/88 così Giacomo Mancini, già parlamentare socialista e membro dell’assemblea regionale del PD Calabria.

Lui sedeva in panchina e guidava un bel gruppo di giocatori. C’erano Simoni, Marino, Lombardo, Castagnini, Giovannelli, il povero Bergamini, De Rosa, Lucchetti, Urban, Padovano, oltre a Fantini, Montrone, Maniero, Del Nero. Il presidente era l’avvocato Giuseppe Carratelli, suo vice il vulcanico Paolo Fabiano Pagliuso.

Che anno quell’anno. I Lupi conquistarono la seri B dopo ben 24 anni. E fu un tripudio. Di Marzio torno’ a Cosenza due anni più tardi e conquisto’ una salvezza sofferta.

Poi andò a Palermo dove concluse una carriera da allenatore che lo ha visto su tante panchine di serie A. 

Grande conoscitore di calcio e scopritore di talenti- continua Mancini- La leggenda narra che fu tra i primi ad accorgersi della classe cristallina di Diego Armando Maradona in Argentina. Immediatamente lo segnalo’ a Corrado Ferlaino, presidente del Napoli, che non poté acquistarlo perché il mercato degli stranieri era chiuso. Quello che poi avvenne è storia.

Tra Di Marzio e Maradona nacque un legame profondo. Sottolineato anche nel ricorso commosso del figlio Gianluca, apprezzato giornalista di Sky. E confermato dallo stesso Gianni che nella suo profilo di whatsapp aveva inserito una foto abbracciato con un giovanissimo Pibe de Oro.

Con il Mister eravamo soliti scambiarci gli auguri -conclude Mancini - Ed era sempre l’occasione per intrattenerci in ricordi e commenti. Gli ho scritto l’8 gennaio per il suo 82esimo compleanno. Non pensavo sarebbe stato per l’ultima volta. 

Ciao Mister, salutaci Diego e anche Denis".

 

 

 

Le piste di Valle Inferno insieme alle belle giornate di sole di questi giorni, stanno accogliendo gli sciatori e tutti gli appassionati della neve che possono utilizzare gli impianti di risalita temporaneamente con i limiti, già noti, previsti con vento eccedente i 45 Kmh.

 

«Per me la realizzazione di sapere che tanti anni di lavoro lasceranno semi fruttuosi». Viene la pelle d’oca oggi nel rileggere queste parole con cui si concludeva un lungo post pubblicato su Facebook da Claudio Butera il 4 gennaio 2020, successivamente ai grandi risultati conseguiti dal team Arvalia in occasione del “V Trofeo Babel”.

Notizie

Premium Sabatum (2)

Visitatori (2)

334908
OggiOggi379
IeriIeri451
Questa SettimanaQuesta Settimana2810
Questo MeseQuesto Mese1223
TotaliTotali334908
Highest 02-12-2022 : 862
44.201.96.43
US
UNITED STATES
US

Photo Gallery (2)