Grimaldi si prepara a festeggiare Sant’Antonio, senza processione e fuochi d’artificio

Tradizioni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

GRIMALDI – Così com'è recentemente avvenuto per la festa della Madonna di Maggio (ovvero l’Immacolata Concezione venerata dai grimaldesi), anche per l’imminente festa di Sant'Antonio da Padova si prevedono delle ovvie “limitazioni”, legate alla situazione che stiamo vivendo. Per evitare gli assembramenti, il prossimo 13 giugno, giorno dedicato al santo dei miracoli, tanto amato dai fedeli grimaldesi, non si svolgerà la solenne processione, né si assisterà allo spettacolo offerto annualmente dai fuochi pirotecnici.
Lo ha comunicato il parroco, don Tiberio Nucera, sulla pagina social della parrocchia. Il sacerdote ha spiegato anche che, per ragioni di capienza, la statua del santo non resterà nella chiesa a lui dedicata (nota come Convento di Sant'Antonio), ma sarà portata alla chiesa madre, dove, a partire da lunedì 1 giugno e fino al 12, si celebreranno le funzioni religiose, compresa la tradizionale tredicina.
Il 13, giorno della festa, il simulacro farà ritorno al Convento. Alle 18 dello stesso giorno, nella piazza adiacente, si celebrerà la messa solenne. Seguirà la benedizione dei bambini.
«Il mese di festa popolare che culmina col rito della processione in onore di Sant'Antonio da Padova - scrive don Tiberio su Facebook - viene praticamente cancellato. Niente festeggiamenti, niente processione e persino niente fuochi d’artificio. Per ora non resta che aspettare e, mai come quest’anno, i grimaldesi sentono loro il famoso intercalare “Sant'Anto’, aiutane tu!”».
La festa prevede annualmente i riti della benedizione degli animali sul sagrato della chiesa e la distribuzione di pani e panini all'interno dell'adiacente chiostro. Quest'anno non sono previsti entrambi. Tuttavia, i fedeli che volessero distribuire il pane, potranno farlo nel rispetto delle norme sanitarie e avvalendosi dell’aiuto di volontari.