Rogliano. I luoghi della memoria / "Tavuaria" (Tavolaria)

Tradizioni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Deriva dal latino Tabula – ria = pranzo scellerato.
Il toponimo si riferisce ad una leggenda che riguarda la fondazione di Rogliano e che è riportata su un manoscritto del canonico Fortunato Morelli, datato 15 novembre 1748 sul quale si legge: “Che al tempo degli musoni, Rogliano fu edificata da Sabasio presso le acque del fiume Savuto. In seguito il re di Arcadia Enotrio, scacciato dalla sua terra, approdò verso il golfo di Squillace e risalito il corso del fiume Savuto, arrivò sul luogo, ora detto Tavolaria. Questo toponimo veniva appunto da furbesco espediente, tempestivo e geniale, dello stesso re, che per potersi salvare dai nemici del luogo, dopo averli ammansiti, li invitò a cena e quando si accorse che erano fortemente ubriachi e addormentati fece una terribile carneficina.
Il luogo prese il nome di “tabula – ria” cioè cena o tavola scellerata.
Nei pressi del luogo, sul fiume Savuto sorge il cosiddetto “Ponte di tavolaria”, costruito al tempo in cui la Calabria fu sotto il dominio spagnolo e risale al 1592.

dal volume di Egidio Sottile: "Luoghi di Rogliano tra etimologia e storia", Atlantide edizioni