La parola al dottor Andrea Militello (Urologo/Andrologo). «Le migliori tecniche chirurgiche per il pene curvo»

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Riporto un importante articolo rivolto alla patologia del pene curvo conosciuta anche con il nome di morbo di La Peyronie o induratio penis plastica

Risultati a lungo termine dopo incisione della placca e innesto per la malattia di Peyronie: confronto tra innesti dermici suini e pericardio bovino
La incisione della placca e successivo innesto (PEG) è uno dei pilastri della terapia chirurgica per la grave curvatura del pene nella malattia di Peyronie (PD).
Sono disponibili diversi tipi di innesti per coprire i difetti della tunica albuginea durante PEG, sia allotrapianti che xenotrapianti. Tuttavia, fino ad oggi nessuno di questi si è rivelato superiore agli altri.
Lo studio che riportiamo è stato condotto per confrontare due diversi tipi di xenotrapianto, matrice dermica suina e matrice di pericardio bovino in PEG per PD.
Dal 2010 al 2019, 63 pazienti con PD sono stati sottoposti a PEG, utilizzando innesti dermici suini (n = 25; Gruppo 1) e di pericardio bovino (n = 38; Gruppo 2).
I risultati a lungo termine sono stati valutati attraverso la somministrazione di questionari multidisciplinari tramite intervista telefonica.
Sono stati considerati i seguenti elementi: correzione della flessione del pene, qualità dell'erezione, capacità di rapporti sessuali, accorciamento del pene e sensibilità.
Sono stati anche studiati la soddisfazione generale e l'impatto della chirurgia sull'attività sessuale e sulla qualità della vita.
La dimensione mediana della placca (IQR) era di 29 (22-33) mm ed era più piccola nel Gruppo 1 (27,5 contro 31 mm; p = 0,03). I dati completi di follow-up erano disponibili per 53 pazienti (84%).
Considerando gli esiti postoperatori, non sono state trovate differenze quando si considerano i tassi di ED, l'accorciamento del pene, la sensibilità, le complicazioni e l'irrigidimento del pene (tutti p> 0,1).
I pazienti del gruppo 2 avevano più probabilità di avere noduli penieni palpabili al follow-up (20,6 vs 0%; p = 0,03).
Tuttavia, la soddisfazione della vita sessuale post-operatoria del paziente era coerente tra i due gruppi, con solo 1 (5,3) e 8 (23,5) pazienti nel Gruppo 1 e 2 rispettivamente che riferivano un peggioramento della soddisfazione della vita sessuale (p = 0,2).
Al follow-up, l'84,9% dei pazienti che sarebbero ancora sottoposti a intervento chirurgico per PD, senza differenze statistiche tra i due gruppi (p = 0,4)
La corporoplastica con PEG è un trattamento efficace per gli uomini con Morbo di la Peyronie.
Gli xenotrapianti di pericardio cutaneo suino e bovino sembrano avere esiti simili a lungo termine.

_______________________________

Il dottor Andrea Militello
visita una volta al mese in Calabria:
Cosenza e Acri
Per info: 339 1408270