Rino: «Propongo che anche Grimaldi dica “no” all’ordinanza della Santelli»

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

GRIMALDI – In merito all’ordinanza firmata alle 22 di ieri dalla governatrice della Calabria, Jole Santelli, interviene il consigliere di minoranza Attilio Rino (Il Sogno per Grimaldi), che scrive una lettera al sindaco Roberto De Marco. Nella missiva, Rino propone al primo cittadino di allinearsi ai numerosi sindaci del Savuto che si sono immediatamente dichiarati contrari all’ordinanza in questione, con la quale la governatrice ha aperto, da oggi, bar, pizzerie, rosticcerie e mercati all’aperto, anticipando la data prevista dal decreto maggio 2020 (ovvero il Dpcm del 26 aprile). «Propongo – scrive il consigliere rivolgendosi a De Marco – che anche il nostro comune si allinei alla scelta dei numerosi sindaci del Savuto, che hanno detto “no” all’ordinanza della Santelli, affermando che resteranno pedissequamente applicate le norme contenute nel Dpcm del Governo Conte. Propongo altresì – continua Rino - in questi pochi giorni che ci separano dalla data del 4 maggio, di concordare con gli operatori interessati una serie di incontri preparatori per un’apertura degli esercizi gestita al meglio, che dia massima garanzia agli utenti e al personale addetto». Sorpreso, come tanti, dall’inattesa decisione del presidente della Regione, definita dallo stesso Conte “improvvida e illegittima”, il consigliere di minoranza, chiede inoltre al primo cittadino di Grimaldi «un confronto con i sindaci del territorio, affinchè si possa giungere tutti insieme ad assumere la stessa decisione, confermare cioè quanto previsto dal Dpcm del 26 aprile».