Riceviamo e pubblichiamo / Rogliano, interpellanza delle minoranze. Sollecito e proposte per eventuali nuovi Bandi relativi ai Bonus Solidali

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Abbiamo inviato ieri, tramite PEC, al Comune di Rogliano un’interpellanza volta a suggerire, qualora vengano emanati altri bandi di solidarietà alimentare (con fondi Regionali e/o del governo) di tener conto dei seguenti parametri:
Che vi sono alcune categorie di cittadini che in questo momento particolare di emergenza e pandemia, sono stati privati in tutto o parzialmente del proprio reddito.
Che vi sono altre categorie di cittadini che pur potendo accedere ad altre forme di sussidio e sostentamento o contributo devono comunque attendere i necessari tempi tecnici per usufruire materialmente di tali misure (cassa integrazione o contributo di € 600,00, a mero titolo esemplificativo) e che comunque hanno ulteriori ed importanti spese cui non possono sottrarsi;
Che appare opportuno di valutare la necessità di un aiuto a favore di quelle categorie che possono usufruire di altre forme di aiuto ma che sono in attesa della loro erogazione effettiva (piccoli commercianti, artigiani, bar …) e che comunque sono tenuti ad affrontare spese inerenti la propria attività che pur non avendo prodotto un reddito ha prodotto delle spese (canone di locazione; costi e forniture…);
Che vi sono altre situazioni di particolarità (nucleo familiare con particolari situazioni di criticità; presenza di invalidi in famiglia; nuclei monogenitoriali ecc ecc)
La richiesta è quella che siano contemplate nei futuri bandi queste categorie inserendo le opportune caselle da vidimare.
Si chiede inoltre:
di meglio specificare a quale periodo si riferisca la situazione reddituale del soggetto proponente, atteso che è evidente l’inadeguatezza al momento di strumenti che riportano la situazione reddituale riferita a periodi differenti dai mesi di marzo, aprile e maggio 2020.
Un numero utile da poter utilizzare per chiedere info sulla compilazione del bando da parte dei cittadini.
Pubblicazione dei criteri e delle modalità di assegnazione dei nuovi bandi (griglie di valutazione).
Sollecitiamo, tra l’altro, all’amministrazione per il 1° bando:
1) Di indicare il numero di domande di accesso di cui al fondo istituito con Ordinanza Pr. Consiglio Dei Ministri, Dipartimento Protezione Civile N. 658 del 29 Marzo 2020, specificando le generalità dei richiedenti;
2) Di indicare quali dipendenti si siano occupati della disamina delle domande ed in forza di quali criteri sono state adottate le scelte di ammissione e/o esclusione;
3) Di avere copia del verbale eventualmente redatto di ammissione esclusione delle domande e così si voglia rendere compiuta motivazione delle scelte che sono state adottate;
4) Copia elenco soggetti risultati beneficiari e quantum riconosciuto a ciascuno;
5) Copia rendiconto sino ad oggi elaborato in modo da verificare tutte le spese legate alla gestione di detto fondo
Ringraziamo tutti i dipendenti del SETTORE 6 (Servizi Sociali) che si sono prodigati, anche in Smart Working, nell’iter e nella distribuziAbbiamo inviato ieri, tramite PEC, al Comune di Rogliano un’interpellanza volta a suggerire, qualora vengano emanati altri bandi di solidarietà alimentare (con fondi Regionali e/o del governo) di tener conto dei seguenti parametri:
Che vi sono alcune categorie di cittadini che in questo momento particolare di emergenza e pandemia, sono stati privati in tutto o parzialmente del proprio reddito.
Che vi sono altre categorie di cittadini che pur potendo accedere ad altre forme di sussidio e sostentamento o contributo devono comunque attendere i necessari tempi tecnici per usufruire materialmente di tali misure (cassa integrazione o contributo di € 600,00, a mero titolo esemplificativo) e che comunque hanno ulteriori ed importanti spese cui non possono sottrarsi;
Che appare opportuno di valutare la necessità di un aiuto a favore di quelle categorie che possono usufruire di altre forme di aiuto ma che sono in attesa della loro erogazione effettiva (piccoli commercianti, artigiani, bar …) e che comunque sono tenuti ad affrontare spese inerenti la propria attività che pur non avendo prodotto un reddito ha prodotto delle spese (canone di locazione; costi e forniture…);
Che vi sono altre situazioni di particolarità (nucleo familiare con particolari situazioni di criticità; presenza di invalidi in famiglia; nuclei monogenitoriali ecc ecc)
La richiesta è quella che siano contemplate nei futuri bandi queste categorie inserendo le opportune caselle da vidimare.
Si chiede inoltre:
di meglio specificare a quale periodo si riferisca la situazione reddituale del soggetto proponente, atteso che è evidente l’inadeguatezza al momento di strumenti che riportano la situazione reddituale riferita a periodi differenti dai mesi di marzo, aprile e maggio 2020.
Un numero utile da poter utilizzare per chiedere info sulla compilazione del bando da parte dei cittadini.
Pubblicazione dei criteri e delle modalità di assegnazione dei nuovi bandi (griglie di valutazione).
Sollecitiamo, tra l’altro, all’amministrazione per il 1° bando:
1) Di indicare il numero di domande di accesso di cui al fondo istituito con Ordinanza Pr. Consiglio Dei Ministri, Dipartimento Protezione Civile N. 658 del 29 Marzo 2020, specificando le generalità dei richiedenti;
2) Di indicare quali dipendenti si siano occupati della disamina delle domande ed in forza di quali criteri sono state adottate le scelte di ammissione e/o esclusione;
3) Di avere copia del verbale eventualmente redatto di ammissione esclusione delle domande e così si voglia rendere compiuta motivazione delle scelte che sono state adottate;
4) Copia elenco soggetti risultati beneficiari e quantum riconosciuto a ciascuno;
5) Copia rendiconto sino ad oggi elaborato in modo da verificare tutte le spese legate alla gestione di detto fondo
Ringraziamo tutti i dipendenti del SETTORE 6 (Servizi Sociali) che si sono prodigati, anche in Smart Working, nell’iter e nella distribuzione dei fondi del 1° Bando.
Ribadiamo, COME SEMPRE FATTO, il nostro spirito di collaborazione verso l’amministrazione (nonostante le continue porte in faccia e le critiche ricevute) per il bene dei Roglianesi e soprattutto per i nostri concittadini in difficoltà per la mancanza di lavoro (commercianti, partite IVA, lavoratori in cassa integrazione, tirocinanti e varie).
In allegato il testo completo dell'Interpellanza.
Grazie a tutti e buon lavoro
Un' Altra Rogliano ed Esserci Per Fare

one dei fondi del 1° Bando.
Ribadiamo, COME SEMPRE FATTO, il nostro spirito di collaborazione verso l’amministrazione (nonostante le continue porte in faccia e le critiche ricevute) per il bene dei Roglianesi e soprattutto per i nostri concittadini in difficoltà per la mancanza di lavoro (commercianti, partite IVA, lavoratori in cassa integrazione, tirocinanti e varie).
In allegato il testo completo dell'Interpellanza.
Grazie a tutti e buon lavoro

Un' Altra Rogliano ed Esserci Per Fare 

Nella foto (Studio Tosti), il capogruppo di minoranza "Un'altra Rogliano", Mario Buffone