L'Arma  dei carabinieri ha svolto, e svolge costantemente,  un ruolo indispensabile nella la dura battaglia al Covid-19. Controlli territoriali, sostegno morale, vicinanza, sicurezza, aiuti concreti per le fasce più deboli, solo alcuni dei tasselli di questa storia tutta italiana, che trasuda di passione e amore, per uno dei lavori più affascinanti nell'immaginario dei bambini, e non solo.

La capillare distribuzione delle varie Stazioni, su tutto il territorio del nostro Paese, raffigura un baluardo di certezza per tutti i cittadini. Anche nel Savuto, i militari della Compagnia dei carabinieri di Rogliano (Cs), al comando del Capitano Bologna, hanno avuto un ruolo nevralgico nella gestione, e soprattutto nelle varie fasi  dell'emergenza. Turni massacranti,  nella zona rossa per settimane,  pattuglie disseminate in tutta la valle,  hanno garantito, per la popolazione,  una concreta fruizione dei decreti emanati dal Governo, per contrastare questo nemico invisibile, che volteggia nell'aria e non solo.

Sui Social, più volte, la vicinanza per questi ragazzi è stata plasmata da migliaia di messaggi, pensieri indelebili nel grande oceano della rete. Con tutta la redazione de "La Voce del Savuto" vogliamo esprimere, attraverso queste semplici parole, la nostra gratitudine per tutti questi ragazzi. Semplicemente...grazie!!!

Omar Falvo

Giornalista Pubblicista

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

La forte recessione economica, quale inevitabile conseguenza della drastica riduzione dei consumi imposti dalla pandemia da Coronavirus, avrà inevitabilmente ripercussioni maggiori nei tessuti economici più deboli e strutturalmente più fragili. Fra questi vi è il già fragilissimo tessuto economico calabrese, provato da una crisi avviata nel 2008 e dalla quale non riesce ad uscire. Un tessuto economico ed imprenditoriale da sempre in grande difficoltà.
Inutile sottolineare i tanti record negativi detenuti da anni, dal più alto tasso di disoccupazione fra tutte le Regioni d'Europa, al più basso reddito pro - capite fra tutte le regioni d'Italia ad una forza - lavoro che si riduce sempre più. Basta citare solo alcuni numeri per cercare d fotografare l'esistente.
I residenti in Calabria sono 1.956.687 dei quali almeno 200.000 sono sulla carta residenti in Calabria ma, nei fatti, vivono per studio o lavoro in altre regioni anche se molti di questi sono in fase di ritorno. In 728.631 (quasi il 40% dell'intera popolazione, la percentuale più alta di tutte le 251 regioni d'Europa) percepiscono una pensione ed il 68% delle pensioni è al di sotto delle 1000 euro mensili. In 105.539 sono i dipendenti pubblici ed altri 350.000 sono dipendenti privati, commercianti, precari e partire Iva. Circa 200.000 i minorenni e studenti. I rimanenti 350.000 alla permanente ricerca di un lavoro. Una percentuale di forza lavoro occupata fra le più basse d'Europa di circa 500.000 calabresi, uno su quattro.
In una situazione del genere e con la dimensione allarmante della crisi attuale con la disoccupazione che a fine 2019 registrava un tasso del 21,1% si rischia che la disoccupazione possa passare dall'attuale 20,1% al 38 - 40%. In pratica si rischia il raddoppio dei dati relativi alla disoccupazione con una percentuale da bancarotta sociale che potrebbe provocare anche l'avvio di situazioni a rischio sul piano della stessa tenuta democratica.
In quanti in Calabria vivevano alla giornata, fra lavoro nero e lavori precari, in quanti riuscivano a sbarcare il lunario senza, ovviamente, potersi permettere di incamerare dei risparmi per i tempi più magri. E' difficile poter quantificare le inevitabili nuove povertà che scaturiranno dai tanti piccoli esercizi commerciali che rischiano di chiudere e dai tanti posti di lavoro che si perderanno. Basti accennare alla crisi fortissima del comparto turistico e della ristorazione che in Calabria ha avuto sempre un peso notevole.
E' quanto mai necessario un vero e proprio Piano Marshall per la Calabria, un vero e concreto intervento a sostegno delle famiglie con un reddito di solidarietà a fondo perduto in attesa di una auspicata ripresa dei consumi e di un ritorno alla normalità. Non basta il reddito di cittadinanza che, comunque, oggi si rivela essere alquanto utile per le famiglie che lo percepiscono. E' necessario fare molto di più. Aiutare i tanti piccoli artigiani, i tanti piccoli imprenditori di se stessi, le tante partite Iva ed i tanti precari che vedono sfumare i loro già esigui redditi. Urge una serie di interventi concreti e non le solite parole prive di fatti. Oggi più che mai. Anche per evitare la crescita del consenso sociale verso le mafie ed evitare la inevitabile crescita dell'usura e dell'illegalità che in momenti gravi come questi rappresentano un reale pericolo da non sottovalutare, per come ha più volte affermato il procuratore capo della Procura della Repubblica di Catanzaro, Dott. Nicola Gratteri.

 

 

 

Assunta De Francesca, studentessa del liceo Telesio di Cosenza, dopo aver preso parte attraverso il Miur alla competizione sul nuovo approccio metodologico Hackathon, una maratona digitale in cui gruppi di studenti appartenenti a scuole di indirizzi differenti si sono sfidati per ideare e proporre soluzioni rispetto ai problemi della nostra società, è oggi delegata della piattaforma Conthackto.
«Dopo aver vinto con il mio team - spiega De Francesca - ho avuto la possibilità di viaggiare e di raggiungere la Silicon valley per acquisire nuove competenze partecipando a eventi di formazione in università come Stanford e Berkeley, e a visite guidate nelle principali aziende. Nell’occasione ho conosciuto molti ragazzi che come sono risultati vincitori delle altre competizioni, ed è proprio insieme a loro che è nata Conthackto, la prima piattaforma di Hackathon in Italia, che permette a studenti del triennio della scuola secondaria di secondo grado di vivere un’esperienza unica basata su questa metodologia. Siamo già attivi con una prima Digital challenge dal titolo “Plastic Society”che ha coinvolto ventiquattro studenti provenienti da undici regioni italiane. L’augurio - conclude la studentessa apriglianese - è che la nostra proposta venga accolta da altri studenti».
Gli studenti interessati, per iscriversi, possono collegarsi alla pagina Instagram dedicata.

 

Attraverso una nota, Luigi Ponterio, presidente della Pro Loco di Carpanzano,  ha espresso interesse per le notizie, riportate alla luce dalla nostra redazione, sulla presenza degli orsi nel Savuto. Le sue dichiarazioni, diffuse attraverso la  pagina ufficiale dell'associazione, tracciano un percorso storico di estrema importanza per tutto il territorio, elaborando un possibile progetto di rilancio turistico. Secondo svariati elementi in nostro possesso, questo mammifero avrebbe scorrazzato indisturbato, nei boschi della valle, fino al 1700. Le rivelazioni fatte da Giuseppe Scalzo, esperto conoscitore della storia locale e di questi luoghi, analizzate dai nostri giornalisti, creano una linea immaginaria, che dal Savuto arriva nei territori della Marsica. Carpanzano, Orsara, Piano Semente e Pallone, rappresentano i vari tasselli di questa  inchiesta giornalistica sulle orme degli orsi. E' proprio il caso di dirlo, ne vedremo delle belle. 

 

Riportiamo integralmente il comunicato pubblicato sula pagina facebook della Pro Loco di Carpanzano;

"In diversi testi è citata la presenza degli orsi in Calabria, che potrebbero avervi vissuto fino ad alcuni secoli fa. Forse, questi plantigradi erano di casa anche nei boschi carpanzanesi. E' un'ipotesi verosimile. Conoscere queste notizie è un'opportunità per avere maggiore attenzione verso il nostro territorio. Attraverso delle escursioni, con percorsi mirati, potremmo ripercorrere o scoprire tracce del passato".

 

Omar Falvo

Giornalista Pubblicista

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Continua la ricostruzione giornalistica sulla presenza degli  Orsi nel Savuto. Dopo la chiacchierata  con Giuseppe Scalzo, poliedrico conoscitore del luogo, altri elementi riaffiorano da un passato troppe volte dimenticato. Il borgo di Orsara, piccola frazione del Comune di Marzi, in provincia di Cosenza, è il fulcro di questa inchiesta storica. Svariati elementi tracciano un sentiero immaginario, che conduce nel villaggio di montagna. La presenza degli Orsi, in questi luoghi, sarebbe attestata anche in alcuni documenti, al vaglio della nostra redazione, fino al 1700.

Piano Semente, Orsara e Pallone, le frazioni di montagna: ultima fortezza dell'orso. Il mammifero, principe dei boschi, protagonista anche dei proverbi

Il termine Orsara, “Ara dell’orso”, rappresenta per eccellenza il pilastro del nostro dossier. Un fascicolo aperto da “La Voce del Savuto” per ricostruire le nostre origini. Dopo aver analizzato la parola “Orsara”, ritroviamo la presenza del principe dei boschi anche nei proverbi antichi.

Hai scambiato l’orso per il Vescovo, come vedi la presenza di questo mammifero è fortemente presente nella nostra tradizione orale”, racconta Giuseppe Scalzo. “La presenza di castagneti secolari nella zona, probabilmente, crea un nuovo tassello della nostra ricerca. Alberi simili a dei veri e propri giganti, spesso concavi al loro interno, ospitavano le api. L’orso adorava cibarsi con il miele di questi alveari naturali”, ha affermato Scalzo. Ricordiamo che un bosco secolare dal comune di Carpanzano, nella valle del Savuto, arrivava nelle frazioni del Comune di Marzi: Piano Semente, Orsara e Pallone. Esemplari di questi alberi ancora resistono al tempo, in questo piccolo paradiso terrestre. Presumibilmente gli orsi, con centinaia di ettari a loro disposizione, da Carpanzano scorrazzavano fino ai boschi di Orsara. Ne vedremo delle belle. 

 

Omar Falvo

Giornalista Pubblicista

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'Ascensione di Gesù al cielo, festività molto antica insieme alla Pasqua e alla Pentecoste, è una delle solennità più importanti. La festa è testimoniata ai primi del IV secolo ed è descritta da Sant'Agostino (354-430) come già diffusa al suo tempo. È celebrata quaranta giorni dopo la Pasqua (quest'anno il 21 Maggio).
In latino "Ascensio" significa "salita": secondo il racconto del Vangelo, Gesù salì al cielo con il suo corpo, alla presenza dei suoi Apostoli, per unirsi nuovamente al Padre e non tornare più sulla terra fino alla sua seconda venuta. E infatti, quaranta giorni dopo la sua Resurrezione, Gesù condusse gli Apostoli sul monte degli ulivi e disse loro di non allontanarsi da Gerusalemme, finché non avessero ricevuto lo Spirito Santo. Poi alzò le mani e li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da terra e si sollevò verso il cielo. Gli Apostoli lo seguirono a lungo con lo sguardo, finché una nube lo nascose e non lo videro più. Rimasero con gli occhi fissi in alto, fino a quando comparvero due Angeli, che dissero loro: "Uomini di Galilea, perché state a guardare in cielo? Quel Gesù che avete visto salire, ritornerà sulla terra così come l'avete visto salire". Detto ciò gli Angeli scomparvero. Gli Apostoli, rimasti soli, scesero dal monte e si ritirarono nel cenacolo a pregare in attesa dello Spirito Santo, come aveva detto loro Gesù. Gesù non era più visibilmente in mezzo a loro, ma essi conservavano vivo nell'animo il ricordo di quello che avevano udito da Lui e pensavano alle cose meravigliose che avevano visto fare da Gesù.

Notizie

Premium Sabatum (2)

Visitatori (2)

263093
OggiOggi454
IeriIeri508
Questa SettimanaQuesta Settimana2367
Questo MeseQuesto Mese15594
TotaliTotali263093
Highest 09-02-2021 : 1115
52.203.18.65
US
UNITED STATES
US

Photo Gallery (2)