di Giuseppe Pizzuti

 

MANGONE

Il terremoto del 4 ottobre del 1870

Si racconta che, dopo il forte terremoto che colpì Mangone il 4 ottobre 1870,i sopravvissuti in segno di gratitudine, si recarono con le "jacchère", fiaccole accese, nel luogo dove sorgeva la Chiesa dedicata alla Madonna dell'Arco. Qui ritrovarono il quadro della Vergine e lo portarono nella Chiesa di San Giovanni Evangelista, situata nel punto più alto, da dove avrebbe potuto proteggere l'intero paese. A ricordo di questo triste evento, ancora oggi, dopo centocinquanta anni, si porta in processione la Madonna con una suggestiva fiaccolata.

 

Il miracolo della Madonna dell'Arco

Si narra che, nel 1899, don Michele Aquino e la sua parrocchia non versassero in buone condizioni economiche. Allora il sacerdote chiese un aiuto finanziario alla Confraternita laica della Madonna del Rosario. Il sindaco, che era a capo della Confraternita, rifiutò di concedere l'aiuto finanziario. Il paese si divise e la maggior parte degli abitanti si schierò con don Michele. La primavera di quell'anno fu molto piovosa e, di conseguenza, i raccolti andarono male. A giugno i contadini, preoccupati per il mancato guadagno, decisero di portare in processione il quadro della Madonna dell'Arco. Anche questa volta il sindaco si oppose, chiudendo le porte della chiesa e gridando: "Se è una vera Madonna, le porte si apriranno da sole". Durante la notte, un fulmine colpì la chiesa, spalancando le porte. Subito il custode suonò le campane a festa, i fedeli si radunarono in chiesa e, per il miracolo, portarono il quadro in processione. In seguito si seppe che, il giorno precedente, un altro fulmine si era abbattuto sulla casa del sindaco, uccidendo il suo amato cavallo Rondello.

 

SCIGLIANO

Sant'Angelo sconfigge il diavolo

A Scigliano c'è un famosissimo ponte romano (il più antico d'Italia e uno dei più antichi del mondo, costruito tra il 131 e il 121 a.C.), conosciuto come ponte di S. Angelo o di Annibale, che collega le due sponde del fiume Savuto e pare facesse parte del tracciato della via Popilia. Il secondo nome è da attribuire ad un leggendario passaggio del grande condottiero cartaginese. Il secondo nome è dato da una leggenda, secondo la quale, l'Arcangelo Gabriele, durante una estenuante lotta, avrebbe sconfitto il diavolo, che voleva attraversare il ponte per impossessarsi delle anime degli Sciglianesi. Il demonio per la rabbia tirò un calcio sul lato destro del ponte, lesionandolo.

 

Il Patriarca e la Patrona

Si narra che, nel 1712, gli Sciglianesi, per paura di essere colpiti da un terremoto, chiesero protezione alla Vergine del Carmelo, che divenne Patrona secondaria della Chiesa matrice della frazione Diano affiancando il Patriarca San Giuseppe.

 

Il quadro miracoloso della Madonna di Monserrato

Si tramanda che il quadro della Madonna di Monserrato sia stato ritrovato da un pastore nei pressi dei ruderi del Castello, su indicazione di una luce che il pastore vedeva ogni notte da una finestra della propria casa. Dopo il ritrovamento, il misterioso quadro fu posto nella Chiesa di San Nicola nella frazione Calvisi. Ma il giorno dopo il quadro fu ritrovato nel Santuario di Santa Maria di Monserrato, dove è tuttora custodito (insignito della Corona d'oro Papale) e dove viene scoperto da una tenda che lo nasconde, una volta all'anno, in occasione della festa.

 

 

CELLARA
"'A porta russa"

Nella parte alta di Cellara, ci sono i ruderi di una porta in mattoni rossi, di cui non si conoscono le origini.
Secondo un racconto popolare, il colore sarebbe stato causato dal sangue delle persone che, in passato, i briganti uccidevano in quel luogo.

 

GRIMALDI
Il tesoro del monte Santa Lucerna

Grimaldi sorge alle pendici del monte Santa Lucerna. Si racconta che, all'interno di questo monte, sia nascosto un tesoro, difeso da un serpente molto pericoloso. Durante le notti di luna piena, un gallo d'argento canta per alcuni minuti. Poi arriva una chioccia con sette pulcini, che grattano con le zampe nel terreno del monte, per scovare qualcosa da beccare. Chi riesce a prendere il gallo, la chioccia con i pulcini e a uccidere il serpente, troverà il tesoro.

"U spascinu"

La notte di Natale è possibile imparare il rito de "u spascinu" ("l'affascino"), che si dice aiuti le persone, colpite dal malocchio, a guarire.
Nonostante viviamo nel XXI secolo, questo "rito popolare" è pieno di fascino, per il fatto di aver attraversato secoli, convinto generazioni ed essere entrato a far parte dell'"identità culturale" di alcune regioni.
La notte dell'Epifania
Si narra che la notte dell'Epifania gli alberi si coprono di frutti e gli animali parlano.

 

MALITO
"L'acqua muta"

La notte di Natale, le donne di Malito, coperte da un velo nero, andavano a prendere l'acqua alla fonte chiamata dell'"acqua muta". Durante il tragitto per recarsi alla fonte, le donne malitesi non potevano rivolgere alcuna parola alle persone che incontravano, né potevano farsi riconoscere. Chi si faceva riconoscere, infatti, non poteva approvvigionarsi dell'acqua, che era considerata utile contro tutti i mali, perché presa la notte dell'Avvento, considerata miracolosa.


"'U rijiolu" ("L'orzaiolo")

Secondo un'antica credenza popolare, per guarire questa infiammazione della palpebra, bisognava passare sull'orzaiolo una chiave e la cruna di un ago, disegnando una croce.
Chi ne era colpito, inoltre, ogni mattina, fino alla guarigione completa, doveva guardare dentro una bottiglia di olio d'oliva.
(3-continua) 

Giuseppe Pizzuti, docente

 

 

APRIGLIANO
Il fidanzamento

Un tempo, ad Aprigliano, per chiedere la mano della sposa, si usava "u cippu". L'innamorato, di notte, metteva un tronco d'albero molto grande ("u cippu") davanti alla porta della ragazza prescelta, come segno della dichiarazione d'amore. Se la ragazza portava "u cippu" dentro la casa,la risposta era positiva; in caso di rifiuto della richiesta d'amore, "u cippu" veniva lasciato fuori della casa.

Il porto fluviale

Il fiume Crati occupa un posto di rilievo tra i luoghi del mito, perché il suo nome è associato a leggende e storie dell'antichità, di cui fonti remote hanno conservato traccia. Nella frazione di San Nicola (Aprigliano),lungo il fiume Crati, si narra che esisteva nell'antichità un porto fluviale. Anche lo scrittore latino Plinio il Vecchio (I secolo d.C.) afferma che il Crati fosse un fiume navigabile. Questo posto sarebbe potuto essere un punto di snodo per l'approvvigionamento di legname.

 

CARPANZANO
Il dipinto miracoloso

I Carpanzanesi tramandano di padre in figlio un racconto sull'origine del Santuario intitolato a Maria SS. delle Grazie. Sembra che, quattro secoli fa, padre Bonaventura Pontieri (allora parroco) si sia recato a Napoli da un pittore e gli abbia commissionato un dipinto con l'immagine della Madonna con il Bambino, lasciandogli anche una tela. Dopo qualche tempo, ritornato a Napoli per ritirare il quadro, il pittore disse di non aver potuto svolgere il lavoro perché aveva perso la tela. Allora padre Bonaventura cominciò a cercare la tela nella confusione della bottega e, infine, la trovò. Durante il viaggio di ritorno, incuriosito, la srotolò e vide l'immagine della Madonna sulla tela. Tornò dal pittore e voleva pagarlo, ma lui rifiutò dicendo di non aver mai dipinto quel quadro. Quando padre Bonaventura arrivò a Carpanzano, mise il quadro nel convento. Nei giorni successivi, il quadro sparì tre volte e fu sempre ritrovato in un cespuglio di rovi, in località Timpone. I fedeli, credendo che quello fosse il luogo scelto dalla Madonna per sua dimora, vi costruirono una piccola cappella, proprio nel punto in cui oggi si trova il Santuario.
I Carpanzanesi sono molto devoti a questo quadro, perché, nel 1905, si rivolsero alla Madonna dipinta per essere salvati dal terribile terremoto, che distrusse molti paesi della Valle del Savuto. E ancora oggi, il 12 febbraio, in segno di devozione, si svolge (qualunque siano le condizioni atmosferiche) una processione in onore della Madonna.

Il paese delle "zagarogne"

Carpanzanoè conosciuto anche come il paese delle "zagarogne" ("le civette"). A questo riguardo si racconta che, un tempo, durante la celebrazione della Santa Messa, il prete, nel prendere il calice e le ostie dal tabernacolo, venne pizzicato da una civetta, che, probabilmente, si era nascosta lì durante la notte. Il sacerdote, tra il serio e lo scherzoso, disse: "Cristu sdegnatu pizzica e muzzica cumu n'arraggiatu" ("Cristo sdegnato pizzica e morde come una persona molto arrabbiata"). Questo fatto venne considerato come un cattivo augurio e da allora i Carpanzanesi vengono chiamati in modo offensivo "zagarognari".

Giuseppe Pizzuti, docente

 

Chi tena pocu s'accuntenta, chi tena assai se lamenta!
(Chi ha poco si accontenta, chi possiede molto si lamenta)                                                                                                                                               .

 

'U giuvine oziusu, quannu è vecchiu è bisugnusu!
(Il giovane ozioso, quando è vecchio avrà bisogno!)
Chi non semina in gioventù, non raccoglie in vecchiaia.                                                                                                                                                            

 

Anche quest'anno, il ventiduesimo, il calendario, realizzato da "Atlantide - Centro studi nazionale per le arti e la letteratura" di Rogliano, raccoglie nell'arco dei dodici mesi aneddoti, indovinelli, filastrocche, fotografie e immagini antiche, proverbi, racconti, ricette contadine, tradizioni legati alla nostra terra e alle nostre radici.
Il lavoro, edito in trenta pagine, vuole essere, nella maniera più diretta, un raccordo tra il nostro passato, presente e futuro.
Uno spaccato di Calabria ricca e umile e un insieme di avvenimenti e situazioni che rivivono attraverso il ricordo e il racconto delle persone più anziane che cercano di trasmettere alle nuove generazioni antichi usi e costumi che altrimenti andrebbero dimenticati.
Il Calendario del Savuto racconta il nostro tempo, attraverso il ricordo. E leggendo scopriamo tanti particolari e specifiche situazioni.
Ricordi e racconti da vivere per un anno intero e da lasciare e trasmettere ai tanti giovani che, spesso, rimuovono il loro passato e le loro origini come segno d'insofferenza.
Un progetto coraggioso che mira a tutelare i nostri decenni trascorsi e a prendere da ciò che siamo stati, che sono stati i nostri padri, i migliori insegnamenti per la vita futura. 

Per contatti e prenotazioni: 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Calabria abbonda di proverbi, incisivi, chiari, immaginosi. Essi sono espressione della civiltà e delle condizioni del popolo calabrese. E poiché la civiltà è stata, se non esclusivamente, certo prevalentemente contadina, molti riguardano l'agricoltura, la meteorologia, la pastorizia. Della vita del popolo, ricca solo di stenti e di privazioni, senza speranza e senza fede nell'avvenire, sono derivati molti proverbi e modi di dire proverbiali sulla miseria dei molti, la ricchezza e il potere dei pochi, l'egoismo, la cupidigia, l'individualismo, l'antisocialità.
Nel dialetto calabrese la parola "proverbi" è sostituita da "dittu" ed è spesso seguita da "'e l'antichi" o "'e da bonanima 'e nonnu", oppure "l'antichi dicianu".
Di seguito una rassegna dei proverbi più comuni e citati nei Paesi della Valle del Savuto.

AIELLO CALABRO
Lu tempu è mastru, e tu speri ca vidi (Il tempo è maestro, spera e vedrai).

APRIGLIANO
Apriglianu largu e vucca e struttu e manu (Aprigliano generoso a parole e non per i fatti).
A Apriglianu maritace e a Pietrafitta 'nzuracce (Ad Aprigliano trovati il marito e a Pietrafitta la moglie).

BELSITO
A vacca cu 'u mangia cu lu voe o ha mangiatu prima o mangia poi (La mucca che non mangia con il bue o ha mangiato prima o mangerà poi).

BIANCHI
U ciucciu chi u ffa lla cuda alli tri anni u lla fa cchiù! (L'asino che non ha fatto la coda a tre anni non la fa più!).
Chiacchiere e tabbachere e lignu a banca e Napuli u 'nde 'mpigna (Alla banca di Napoli non si accettano in pegno chiacchiere e portatabacco di legno).

CARPANZANO
A mali 'ncini hamu mpicatu e viertule (A cattivi uncini abbiamo appeso le bisacce, cioè abbiamo sperato nelle persone o - situazioni - sbagliate).

CELLARA
'Nu ghjati truoppu avuti cà caditi tantu de la grannizza chi purtati cà de denari nun ne discerniti e nemmenu di nù buonu parentatu (Non camminate troppo alti perché cadrete a causa della superbia che avete, perché non provenite né da denari (famiglie ricche) né da un nobile parentato).
Pezzente sì, ma lordu pecchì? (Pezzente sì, ma perché anche sporco?, cioè la povertà non è sinonimo di sporcizia).

COLOSIMI
U viziu e natura finu alla morte dura (I vizi durano fino alla morte).
A vurpa si un jiungia all'uva dicia che amara (La volpe che non arriva all'uva dice che è amara, cioè chi non riesce a ottenere qualcosa finisce col disprezzarla).

GRIMALDI
E' megliu na chiovuta a maju de nu carru d'oro (Meglio una pioggia a maggio che un carro d'oro)
L'acqua fa male e ru vinu fa cantare (L'acqua fa male e ilvino fa cantare).
Si u mprestu fossi bonu, ognunu 'mprestassi ra mugliera (Se il prestito fosse una cosa buona,ognuno presterebbe la moglie).

LAGO
E' miegliu oie l'uavu ca dumani a gallina (E' meglio un uovo oggi che la gallina domani).

MALITO
Para ca tegnu na Parrara (Sembra che ho una Parrara, cioè di avere una miniera: infatti Parrara è il nome di una cava malitese).
Cumpunna la numìa curu cardune, u pirui mastru 'ntone cu bajana (Confonde l'erba con il cardone, un tipo di pera con il baccello delle fave).

MANGONE
U gammarellu chi troppu anna, chju prestu perda ca guadagna (Le persone che vanno troppo in giro, rischiano di perdere anziché guadagnare)
U mmasciaturu chi ritarda male notizie porta (L'ambasciatore che ritarda porta cattive notizie).

MARZI
Ficiaru colleganza cani e lupi, povere pecorelle amare crape (Quando si alleano cani e lupi, povere pecorelle amare capre).

PANETTIERI
Allu Rusaru e castagne intra u panaru (Per la festa della Madonna del Rosario, le castagne sono già nel paniere: la prima domenica di ottobre coincide, infatti, con il primo giorno della raccolta delle castagne).

PARENTI
A passu miarula ca a via è petrarusa (Cammina a passo del merlo perché la via è malridotta, cioè quando le cose non vanno bene, conviene procedere con prudenza).
All'urtu ce vò curtaglia e allu munnu furtuna (All'orto ci vuole concime e al mondo fortuna).
Cose 'e notte vrigogna e juornu (Cose di notte, vergogna di giorno).

PEDIVIGLIANO
U lupu gurdu 'un crida u dijuno (Il lupo grasso non crede al digiuno, cioè il ricco non crede alle difficoltà del povero).

ROGLIANO
Abbuttu un crida allu diunu (Chi è sazio non crede a chi è digiuno).
A cucuzza cu l'acqua sua s'ha de cocire (La zucca deve cuocere nel proprio brodo).

SANTO STEFANO DI ROGLIANO
Chine simmina spine un po' jire scavuzu (Chi semina spine non può camminare scalzo).
Marzu fa lu jure e apriue ne ha l'unure (Marzo fa il fiore e aprile ne ha l'onore).

SCIGLIANO
A gallina chi camina tena sempre a vozza china (La gallina che cammina ha sempre lo stomaco pieno, cioè chi va in giro a chiedere notizie, sa sempre tutto di tutti).

Giuseppe Pizzuti, docente

Notizie

Premium Sabatum (2)

Visitatori (2)

103489
OggiOggi386
IeriIeri694
Questa SettimanaQuesta Settimana2203
Questo MeseQuesto Mese7248
TotaliTotali103489
Highest 03-21-2021 : 1327
3.238.235.155
US
UNITED STATES
US

Photo Gallery (2)