Nella tradizione popolare contadina il giorno del fidanzamento ufficiale coincideva con il giorno del singo. La solenne cerimonia era fissata dai genitori dei futuri coniugi e si svolgeva alla presenza di congiunti ed amici, al cospetto dei quali il padre del giovane sposo prima, e quello della giovane sposa dopo, definivano le spese e la quantità dei beni dotali (il corredo e i beni immobili e fondiari) che le parti interessate si vincolavano di sostenere e di offrire ai propri figli.

Questo rito si celebrava solitamente di domenica o durante una festività religiosa e sempre nella casa della futura sposa, sia per deferenza al casato col quale ci si andava ad imparentare, sia per rispetto verso la ragazza. Per l'occasione, uomini e donne indossavano i loro abiti migliori. In questo giorno ufficiale l’uomo offriva l’oro in dono alla futura moglie. La futura suocera, avuta licenza di tutti i presenti, adornava la giovane di un anello, di un paio di orecchini e di un ricco fermaglio o di una spilla. Secondo un’antica tradizione, la ragazza, da quel momento in poi, avrebbe dovuto indossare i preziosi ricevuti in pegno d’amore, ogni giorno, fino al dì del matrimonio, quale segno evidente dell’avvenuto fidanzamento. Questa era la famosa cerimonia del singo, da signum, che, attraverso il segno aureo, rendeva la ragazza “segnata” riconoscibile come già fidanzata o prossima a sposarsi.

Il telaio è uno strumento di lavoro molto antico, sul quale si è basata l'arte tessile calabrese, creata e curata dalle donne, che svolgevano l'attività di tessitura insieme alle altre attività domestiche.

Nelle case di un tempo, il telaio trovava spazio nel “basso”, un locale dell'abitazione stessa, solitamente una stanza spaziosa e luminosa, che aveva la precisa funzione di aggregazione sociale, poiché nella stanza del telaio “le anziane rammentavano il passato e le giovani sognavano il futuro”, oppure era collocato nella camera da letto. Le donne tessevano al telaio maggiormente fibre come la seta, il lino e la lana per farne lenzuola, tovaglie, asciugamani, coperte, da usare quotidianamente o da destinare alla dote delle figlie. Non di rado, il telaio stesso faceva parte del corredo della sposa. C'erano anche le tessitrici di professione che tessevano su ordinazione capi che, molto spesso, venivano pagati in natura.

I telai si differenziano per forma, dimensione e lavorazione in tre tipi principali: telaio a tensione, telaio verticale e telaio orizzontale. Il primo è facilmente trasportabile, il secondo ha una struttura portante fissa più complessa ed era utilizzato prevalentemente per tessere manufatti di notevole grandezza, come tappeti ed arazzi, il terzo è il più diffuso e differisce per il numero di pedali e di licci da cui è formato. Il liccio è uno strumento che consente di selezionare e sollevare tutta una serie di fili dell'ordito per poter indurre più facilmente la trama. E' mediante questo intreccio che si realizza il tessuto.

Notizie

Premium Sabatum (2)

Visitatori (2)

617987
OggiOggi319
IeriIeri275
Questa SettimanaQuesta Settimana1975
Questo MeseQuesto Mese4627
TotaliTotali617987
Highest 02-02-2024 : 1323
3.234.244.181
US
UNITED STATES
US

Photo Gallery (2)